A- A+
Milano
Il M5S presenta un'interrogazione sullo stadio del Milan. Inside
(da acmilan.com)

di Fabio Massa

Ora c'è anche una interrogazione del Movimento 5 Stelle. La vicenda del nuovo stadio del Milan arriva in consiglio regionale, secondo quanto può riferire Affaritaliani.it, per mano del consigliere Stefano Buffagni. La vicenda era stata raccontata da Affari alcuni giorni fa, e riportava i dubbi per la sovraesposizione mediatica di uno dei quattro progetti di riqualificazione del Portello a decisione ancora da prendere. Quello del Milan, appunto, che era stato magnificato tra gli altri dal vicesindaco di Milano. Un progetto bellissimo, a prescindere dal tifo, a livello urbanistico, ma che mancava, almeno alcuni giorni fa, di un dato fondamentale: quello sulla cifra che i rossoneri dovrebbero versare a Fondazione Fiera, che è un ente di diritto privato ma che ha tra gli obiettivi quello di valorizzare le aree e che soprattutto ha tra gli stakeholder proprio la Regione e il Comune di Milano. Che cosa scrive dunque Stefano Buffagni?

"L’idea che le società milanesi di calcio possano avere intenzione di dotarsi di un nuovo stadio è sicuramente un’opportunità da non scartare a priori. E’ infatti un’occasione per potenziare la sicurezza di impianti ormai obsoleti e per valorizzazione lo sport - spiega Buffagni nel documento che Affari ha potuto visionare - Nel vivace dibattito sul nuovo stadio del Milan al Portello, soprattutto le istituzione devono mantenere un faro ben acceso sull’interesse pubblico che può beneficiare della riqualificazione dell’area, a consumo di suolo zero. Siamo quindi favorevoli a un investimento in questo senso e, stando alle diverse opzioni che stanno emergendo nel dibattito, vogliamo che le scelte vengano fatte tutelando ampiamente gli interessi dei cittadini; vogliamo che la gara, che ha già ricevuto quattro offerte, non venga condizionata da dichiarazioni politiche. L’obiettivo finale di Fondazione Fiera deve essere quello di trovare una riqualificazione sostenibile dell’area valorizzando e tutelando gli interessi economici pubblici. Vogliamo che le scelte vengano fatte con razionalità e senza influenze legate all’euforia che genera il tema. Con l’interrogazione abbiamo chiesto a Maroni, che nomina il Presidente della Fondazione Fiera, come intende garantire questo obiettivo nell’interesse dei cittadini”.

Ma non c'è solo questo. Secondo quanto può riferire Affaritaliani.it alcuni giorni fa sono comparsi in tutte le portinerie del quartiere dove dovrebbe sorgere la nuova struttura dei cartelli con un messaggio ben preciso "no stadio". Insomma, alcuni cittadini iniziano a mobilitarsi. E la tensione cresce soprattutto dopo aver visto i fatti di Roma, dove tifosi incivili hanno devastato un quartiere (e una fontana che il mondo ci invidia). Insomma, qualche problema d'ordine pubblico un nuovo stadio potrebbe generarlo, almeno stando a quanto afferma Buffagni. "Le mie preoccupazioni - spiega ancora Buffagni - sono legate all'area su cui dovrebbe sorgere lo stadio. Non ci sono parcheggi, gli accessi sarebbero assolutamente superiori alle capacità del quartiere. Se si dovesse verificare un caso come quello di Roma in quell'area ipercongestionata sarebbe difficilissimo gestire la situazione tenendola sotto controllo anche per problemi logistici. Di questo bisognerebbe tenere conto".

@FabioAMassa

Tags:
m5smilanstadiointerrogazioneportellofondazione fiera







A2A
A2A
i blog di affari
Coordinatore genitoriale, tribunale lo impone: chi è? Posso rifiutarmi?
di Michela Carlo
Green Pass, prove generali della società del controllo biopolitico totalitario
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Le radici dell’Architettura
di Mariangela Turchiarulo


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.