A- A+
Milano
Imprenditore ucciso nel Milanese: il cadavere ritrovato dalla madre

L'imprenditore 50enne di Arcore Luca Tromboni è stato trovato morto all'interno della sua azienda che produce viti e bulloni a Rozzano. Il suo corpo presenta due ferite da arma da fuoco: a scoprire il cadavere è stata la madre venerdì mattina, quando, come di consueto, è entrata nella ditta e ha fatto la terribile scoperta. La morte risalirebbe a 12-24 ore prima. Esclusa la rapina: il portafoglio era ancora addosso all'uomo. Tromboni non aveva precedenti, lascia moglie e un figlio. Sulla sua morte indagano i carabinieri di Corsico.

Gli investigatori tendono a escludere il movente della rapina per l'omicidio di Luca Tromboni, l'imprenditore 50 enne il cui cadavere e' stato trovato stamattina nella ditta di viti di Quinto de' Stampi, Rozzano, nell'hinterland milanese. L'uomo e' stato ucciso con due colpi di pistola, uno alla testa e uno al torace, e il suo cadavere e' stato trovato poco prima delle 6 di stamattina dalla madre della vittima, Angiolina, 75 anni, che vive vicino al capannone insieme al marito Romano, fondatore della ditta. L'azienda era ora guidata dallo stesso Luca Tromboni e dal fratello Sandro, 43 anni, ma i carabinieri stanno indagando sulla situazione patrimoniale della societa' e stanno ascoltando tutti i 15 dipendenti. La vittima aveva in tasca il portafogli e nell'azienda non mancava nulla.

Tags:
luca trombonirozzanoomicidiocarabinieri






A2A
A2A
i blog di affari
Nuovo Direttivo alla Camera Civile Salentina
Sanzioni Covid: arrivano le cartelle pazze
Femmmicidi-infanticidi, riflesso di una Italia che non sopporta le difficoltà
di Maurizio De Caro

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.