A- A+
Milano
Infrastrutture, Maroni l'astuto fa cappotto. E Pisapia chiede aiuto

Non c’è solo l’ipotesi Sea nella partita giocata da Maroni - che con un probabile 9% potrà diventare anche il dominus del sistema aeroportuale del Nord – ma probabilmente anche la Serravalle. Perché quando a novembre la Provincia di Milano passerà la mano, i suoi gioielli (e i suoi debiti) finiranno all’ombra del Pirellone. Non è tutto, perché per riformare i mercati generali di Milano (leggi Sogemi) si attende una legge regionale. Manca all’appello l’Atm. Perché il progetto di fusione Atm-Trenord è finito sul binario morto. Ma l’astuto Maroni, con quattro anni davanti a sé, ha la pazienza dalla sua. E poi si sa, le aziende come l’Atm vivono grazie ai contributi dello stato. E della Regione.

Tags:
maroni







A2A
A2A
i blog di affari
Green pass, a cosa serve realmente la tessera verde?
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Green pass, l'irresponsabile accettazione cadaverica del nuovo Leviatano tecnosanitario
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Covid, aspettiamo che arrivi un governo militare: del resto "siamo in guerra"
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.