A- A+
Milano


 

Mada Kabobo

Ronde "auto-organizzate" dai cittadini. Sarebbe questa la proposta fatta da alcuni cittadini agli esponenti locali della Lega Nord dopo l'episodio di violenza verificatosi sabato in zona Niguarda, dove il ghanese Mada Kabobo ha preso a picconate cinque persone, uccidendone tre. "Il sindaco Giuliano Pisapia sta prendendo sotto gamba, come suo solito, l'emergenza sicurezza che attanaglia Milano e ha addirittura deciso di stoppare l'eventualita' delle 'ronde militari' che, invece, hanno dato ottima prova della loro efficacia sia a Milano sia altrove. Per questo, motivo piaccia o non piaccia al sindaco, a Milano le ronde ci saranno eccome", scrive, in una nota il consigliere comunale del Carroccio, Massimiliano Bastoni. "Non saranno ronde collegate a partiti, perche' cosi' detta la legge, non 'politiche', ma liberamente auto-organizzate dai cittadini", prosegue Bastoni. "In vari quartieri, a cominciare da Niguarda, ci hanno contattato per utilizzare la nostra esperienza numerosi cittadini di varia eta' ed estrazione sociale, tutti decisi, visto il totale disinteresse di Pisapia a far da se dando vita alle libere 'ronde civiche milanesi'". "Queste nuove ronde, in avanzata fase di realizzazione, agiranno secondo le prescrizioni di legge ed in stretto contatto con le forze dell'ordine".

Tags:
rondekabobolega






A2A
A2A
i blog di affari
Il federalismo per salvare la democrazia italiana
Di Ernesto Vergani
AIUTI PER I VOLONTARI, AUDIT ENERGIA, DONATORI SANGUE, INCENDI
Boschiero Cinzia
PENSIONI INTEGRATIVE EUROPEE, WELFARE, FONDI PER SCUOLA E MIGRANTI
Boschiero Cinzia

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.