A- A+
Milano

Il consiglio comunale boccia l'allargamento di Area C. Il voto e' stato espresso su un emendamento con cui il radicale Marco Cappato ha chiesto l'estensione della congestion charge fino alla cerchia filoviaria per ridurre con il ricavato i costi degli abbonamenti Atm. L'emendamento e' stato bocciato. Ad appoggiare il documento, con Cappato, il presidente della commissione Ambiente del Pd, Carlo Monguzzi, Gabriele Ghezzi e Maria Rosaria Iardino del Pd, Raffaele Grassi di Valori per Milano

Ad astenersi, del Pd Paola Bocci, Ruggero Gabbai, Alessandro Giungi, Emanuele Lazzarini, Francesco Mancuso e Mattia Stanzani, Anna Scavuzzo della lista civica per Pisapia e Mattia Calise di M5s. Con l'emendamento si proponeva l'estensione fino alla cerchia della 90-91 "entro il 2015" con una tariffa sperimentale di 2 euro, mantenendo l'attuale cordone ai Bastioni con la tariffa vigente di 5 euro, considerando che "il ricavo lordo aggiuntivo previsto con una tariffa di 2 euro ammonterebbe a circa 150 milioni di euro l'anno, con una stima prudenziale basata sugli studi di Amat dal 2002 ad oggi" e queste risorse sarebbero "da destinare a un forte potenziamento del trasporto pubblico ed altre misure di mobilita' sostenibile" con "la possibilita' di rimodulare le tariffe sugli abbonamenti al trasporto pubblico, riportandole a quelle in vigore precedentemente alle ultime elezioni comunali", tenendo conto delle indicazioni su area C date dall'esito dei referendum ambientali. L'emendamento, bocciato con i voti di parte della maggioranza e con quelli dell'opposizione, ha ricevuto il parere negativo della giunta in quanto "non inserito nel dibattito sul piano urbano della mobilita'". Deluso Monguzzi: "Serve un'area C piu' grande e piu' aree C in Lombardia per ridurre traffico e smog e disincentivare l'uso dell'auto". Per Cappato discussione rinviata al Pums: "Con quetso emendamento ho voluto porre l'urgenza della decisione, e la riproporro' certamente al bilancio di previsione 2014, termine ultimo per realizzare una misura voluta dai cittadini attraverso i referendum e fatta propria dall'amministrazione". Soddisfatto dell'esito del voto Riccardo De Corato di Fdi: "Noi siamo sempre stati contrari ad area C, ma questo voto e' il de profundis degli impegni ambientalisti della maggioranza".

Tags:
area cmilano







A2A
A2A
i blog di affari
Green pass, a cosa serve realmente la tessera verde?
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Green pass, l'irresponsabile accettazione cadaverica del nuovo Leviatano tecnosanitario
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Covid, aspettiamo che arrivi un governo militare: del resto "siamo in guerra"
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.