A- A+
Milano

"Qui non si tratta di fare generici richiami alla collaborazione o alla ragionevolezza, ma di intraprendere azioni per tutelare l'assai concreto interesse pubblico; obiettivo, peraltro, che dovrebbe stare a cuore anche alla curatela e a tutte le forze politiche". Così il vicesindaco e assessore all'Urbanistica del Comune di Milano Ada Lucia De Cesaris interviene nel dibattito sul futuro del progetto per il Cerba.

"I patti vanno rispettati - ha spiegato De Cesaris - e non è accettabile modificare un progetto scientifico, snaturandolo, con la previsione di housing sociale e, addirittura, di una media struttura di vendita, ossia un centro commerciale".

"Inoltre - ha aggiunto il vicesindaco - la scelta di negare la cascina Campazzo, uno dei riferimenti dell'agricoltura milanese e del Parco Sud, al Comune, per la quale stiamo sostenendo anche i costi di messa in sicurezza, evidenzia l'indisponibilità a restituire al territorio milanese quanto per tanti anni quella proprietà ha tolto o negato alla città".

Tags:
de cesaris






A2A
A2A
i blog di affari
Bipolarismo, ecco quando necessario usare il TSO
di Francesca Albi*
Olio extravergine d’oliva: benefici e caratteristiche
Anna Capuano
Décolleté con tacco alto o con zeppa: quale funzionerà per gli outfit di tutti
Anna Capuano

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.