A- A+
Milano
La trans Efe e la realtà negata (dalla sinistra milanese)

Un Bruno Vespa cosi' attizzato non lo si vedeva dai tempi del dicembre del 1969, quando al TG1, tutto sudato, annuncio' il nome del "mostro": Giuseppe Pinelli. Stavolta di fianco a lui c'era Efe Bal, la trans più' famosa d'Italia, l'altra faccia del celodurismo leghista da quando si e' auto-arruolata alla corte di Salvini, in turne' a Roma nelle tre Camera del Parlamento (Camera, Senato, Porta a Porta) per combattere la sua battaglia per la legalizzazione della prostituzione. Non una grande scelta, quella di Efe: assuefatti alla prostituzione intellettuale, al transformismo, alle facce da culo che da vent'anni affollano il salotto di Vespa, pareva uscita dal Carosello. Ma la questione resta.

efe balefe bal con bruno vespa
 

Da mesi, Efe ribadisce il concetto: lei fa la prostituta, precisamente in Corso di Porta Vittoria a Milano. Sulla sua pagina Facebook, posta regolarmente video che la vedono alle prese ora coi "ferri" del mestieri, ora con le laute ricompense dei clienti. E basta farsi un giro su internet per vedere che la prostituzione casalinga  ha raggiunto a Milano un livello di organizzazione ed efficienza che se fosse la pubblica amministrazione a funzionare così', recupereremmo 3 punti secchi di Pil. Piccole trasgressioni, arcaton, fino a gnoccaforum.com, dove i sommelier del genere si scambiano raffinate descrizioni in codice, dal prezzo espresso nell'inedita' valuta del " VU" (Velocita' Urbana, ovvero 50 euro), ai dettagli sulle prestazioni ("bacia ma non rimma") inseguendo l'eterno sogno della "safardaggine" (neologismo italo-portoghese a significare "maialaggine").

Il sindaco di Roma, ricoperto di insulti anche quando starnuta, ha pero' avuto il merito e l'onesta' intellettuale di affrontare il problema introducendo il tema del quartiere a luci rosse. Da noi invece  tutto tace, mentre nell'illegalita' fioriscono migliaia di bilocali a luci rosse, e sarebbe bello sapere che ne pensano i vicini di quella signorina alta un metro novanta che alle tre di notte va in giro coi tacchi e sbatte in continuazione il letto contro il muro. Ma si sa: la sinistra per bene ad accettare la realtà' così' non ci pensa nemmeno. Povere trans: e si che proprio loro hanno per prime raccolto il boldriniano invito ad usare solo ed esclusivamente il genere femminile.

Tags:
efe balbruno vespatransprostituzione







A2A
A2A
i blog di affari
Salento: pastella, cozze aperte all’ampa... Chi l'ha detto che si mangia male?
di Francesca Micoccio
Green pass obbligatorio e lockdown annunciati: il ritorno alla nuova normalità
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Il braccio robotico di Perseverance alla ricerca di segni di vita su Marte
di Maurizio Garbati


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.