A- A+
Milano
Le paure del Pd: un sindaco fortissimo. E la segreteria cambia… Inside

di Fabio Massa

Il rischio è quello dell’indipendenza assoluta. Nessun contrappeso. Altro che “sindaco dimezzato”, come vuole far paventare la Lega Nord e una parte del centrodestra. Il vero rischio è che il sindaco Pisapia, dopo l’annuncio che non si ricandida, sarà “raddoppiato”. Nel senso che potrà fare praticamente tutto quel che vuole senza che nessuno possa pararglisi di fronte in modo minaccioso. Non i consiglieri comunali, che cercano una riconferma. Non i partiti, e segnatamente il Pd, che vogliono andare alle elezioni non certo in un clima da guerra civile. Così, secondo quanto può riferire Affaritaliani.it, Pisapia avrebbe deciso di affrontare le questioni più spinose per i partiti, proprio in quest’ultimo anno. Difficile dirgli di no. Anzi, impossibile. Intanto trapelano anche le motivazioni di un annuncio che a tutti è sembrato troppo prematuro ma che in effetti il primo cittadino stava elaborando da tempo. Anzi, che era assolutamente pronto da tempo. Pisapia aveva già rimandato più volte l’annuncio pensando di riuscire ad arrivare davvero a ridosso di Expo, così come aveva promesso. Salvo poi vedere associato il proprio nome a questo o quel candidato. Questo lo avrebbe fatto scattare: perché la verità, secondo gli amici di Pisapia, è che lui nella difficile partita delle primarie non si vuole propio far tirare in mezzo. Non coinvolgimento assoluto, solo tanta attività amministrativa con le mani più che libere. Questo, almeno, pare essere la strategia di fronte alle tantissime mani che lo vorrebbero tirare per la giacchetta.

Intanto il Pd si attrezza a una fase che sarà durissima. Con un supporto non da poco da Roma. Secondo quanto può riferire Affaritaliani.it l’altra sera Lorenzo Guerini era in città per un pranzo con i vertici del partito. E il segretario metropolitano del Pd Pietro Bussolati, ieri sera, ha cenato a Roma con i parlamentari lombardi. Insomma, manovre di avvicinamento, ben sapendo però che nessuno tra chi guida il Pd milanese vuol sentire parlare né di primarie né di regole per le primarie prima di giugno. Il rischio di esporre il partito a un dibattito infinito sulle regole è altissimo. Anche perché già in direzione, l’altra sera, si è discusso dell’ipotesi di far votare alle primarie anche la città metropolitana. In pratica, di far scegliere il candidato sindaco del centrosinistra anche ai comuni limitrofi. Una opzione fortemente avversata da alcuni e che invece altri vorrebbero discutere.

Sia come sia, il percorso di avvicinamento alle primarie il Pd lo fa con una squadra provinciale anche fortemente rinnovata, dai tratti peraltro molto unitari tra le varie correnti. Tra le figure nuove, per esempio, c’è Silvia Roggiani alla Comunicazione, una giovane legata a Patrizia Toia nella quale il partito crede molto. Un partito che però rimane a guida fermamente renziana, tra Bussolati e Paolo Razzano, al quale è stata data la delega sulla sicurezza, strategica in vista delle prossime elezioni e anche del forum nazionale sulla Sicurezza che si terrà a Milano prima dell’estate, presente anche Renzi.

In segreteria entra anche Sinistra Dem, con Matteo Mangili, e rimane come “cinghia di trasmissione” con il sindacato Laura Specchio. Per Area Riformista entrano Sfreddo e Tommasone. Per i “boeriani” c’è Maryan Ismail (partecipazione web). Soddisfatto il “regista” dell’operazione (il “mister” è il segretario Bussolati), Paolo Razzano: “E’ una squadra giovane, forte, motivata. E’ una squadra ampia. E’ una squadra che servirà per vincere la sfida di Milano”.

@FabioAMassa

Tags:
pd milanobussolatirazzanosegreteria







A2A
A2A
i blog di affari
FSBA: ANNULLATE LE SENTENZE DEL TAR DEL LAZIO
Green pass, non l’avete capito? Non serve a controllare il virus, ma voi
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Oggetto sociale srl: più è ampio, meno paghi
Gianluca Massini Rosati


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.