A- A+
Milano
Milanese tenta la fuga in Svizzera con lingotti d'oro. Preso

Cinque lingotti d'oro, dal peso complessivo di 506 grammi, per un valore di circa 15mila euro. Li nascondeva dentro una valigetta 24 ore l'italiano residente a Milano bloccato dalla guardia di finanza di Ponte Chiasso, nei pressi del valico di Maslianico, al confine con la Svizzera. L'uomo, che viaggiava su una Porsche Cayenne e non aveva dichiarato alcunche' ai funzionari doganali, e' stato bloccato e sanzionato. I lingotti sono stati sequestrati per "violazione della normativa sull'oro", si legge in una nota della guardia di finanzia. Nella stessa giornata nei pressi del valico autostradale di Brogeda - si riferisce nel comunicato - a un cittadino italiano residente in provincia di Pesaro e Urbino, a bordo di una Volkswagen Passat, sono stati trovati oltre 50 mila euro in contanti, suddivisi in banconote di vario taglio, in due buste da lettera occultate nelle tasche interne della giacca. Ne e' stato sequestrato il 50%, per un importo complessivo di 20.222 euro.

Tags:
svizzera







A2A
A2A
i blog di affari
Coordinatore genitoriale, tribunale lo impone: chi è? Posso rifiutarmi?
di Michela Carlo
Green Pass, prove generali della società del controllo biopolitico totalitario
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Le radici dell’Architettura
di Mariangela Turchiarulo


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.