A- A+
Milano
M4, cantieri al via. Opera da 1,8 miliardi di euro

Metropolitana 4, le ruspe scaldano i motori. Sei i cantieri che apriranno dal 19 gennaio, cui faranno seguito i 15 che partiranno a febbraio, per ventuno aree complessive interessate ai lavori. Partenza per le stazioni Tricolore, Dateo, Susa e Argonne, con relativi manufatti. Quinid, da febbraio cantieri per le stazioni San Cristoforo, Segneri, Gelsomini, Frattini, Tolstoj, Washington-Bolivar, Foppa e Parco Solari. Il Comune conta in una prima apertura parziale nel 2019 (Linate-San Babila), per chiudere la partita entro il 2022. Il costo complessivo dell'opera ammonta a 1,82 miliardi di euro. Ma tra costruzione e gestione della M4, Palazzo Marino ha dovuto contrarre mutui per un valore di 3,4 miliardi di euro da qui al 2045.


Ma oltre all'aspetto economico, ci sono da considerare le proteste di alcuni comitati. Oltre al fronte di Dezza-Solari, si sono aperti il fronte di viale Argonne e quello di via Concordia-Indipendenza-Risorgimento. Area dei cantieri, preservazione del verde e dei parcheggi i nodi da sciogliere.

Tags:
m4cantieri







A2A
A2A
i blog di affari
Covid, aspettiamo che arrivi un governo militare: del resto "siamo in guerra"
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Filming Italy Sardegna Festival, conclusa la 4ª edizione con oltre 50 titoli
Alkemia sigla contratto triennale con l’India per materie prime


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.