A- A+
Milano


A Malpensa crollano i passeggeri trasportati a luglio, uno dei mesi più importanti della stagione, del - 6,1% rispetto allo stesso mese del 2012. Lo scalo della brughiera perde 114 mila passeggeri, tanti, se si pensa che già nel 2012 rispetto al 2011 il segno fu ancora un meno - 3,2%. Neppure Linate tiene perdendo lo 0,8% del traffico passeggeri a luglio di quest’anno. Malpensa è l’unico scalo italiano che perde traffico da due anni, a dimostrazione che la crisi morde in particolare sull’anello debole della SEA. E’ questo uno dei tratti negativi dell’eredità lasciata da Giuseppe Bonomi al nuovo management recentemente nominato dal sindaco Giuliano Pisapia. Gli altri sono l’insuccesso dello sbarco in borsa e la grave crisi di Sea handling dovuta  al sussidio indebito, in contrasto con le norme europee, di 360 milioni di euro per proteggere Sea handling dalla concorrenza.

Dalla crisi di Sea  si esce soltanto abbandonando l’inutile  e faraonico piano di investimenti  da 1,3 miliardi di euro nel quale è prevista anche la terza pista a Malpensa, in pieno parco del Ticino visto che  le due piste attuali sono utilizzate solo al 40%. E rendendo più compatibili ambientalmente gli scali di Malpensa e Linate ed una maggiore efficienza con un  management più aperto al territorio.

Tags:
malpensa






A2A
A2A
i blog di affari
Nuovo Direttivo alla Camera Civile Salentina
Sanzioni Covid: arrivano le cartelle pazze
Femmmicidi-infanticidi, riflesso di una Italia che non sopporta le difficoltà
di Maurizio De Caro

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.