A- A+
Milano
Maroni-Pisapia, i fallimenti di un accordo

di Fabio Massa

Quando Maroni arrivò alla guida di Regione Lombardia, da Palazzo Marino partirono una serie di messaggi rassicuranti. Ne scaturì una sorta di "pax" instaurata per fare l'interesse pubblico. Tanto che i giornali titolarono su un patto, un'alleanza, sul cambio di passo tra Formigoni e l'allora segretario federale della Lega Nord. Insomma, il Celeste al Comune non lo filava proprio. Invece Maroni se ne preoccupava a tal punto da elaborare una serie di strategie comuni. Un momento davvero molto interessante. Vediamo che cosa ha prodotto.

1) Fusione tra Atm e Trenord. A luglio dello scorso anno Affaritaliani.it scrisse che non se ne sarebbe fatto nulla. Eppure il tam tam era quasi assordante. Non era una profezia campata per aria (tanto che poi si è verificata, ineluttabilmente). Semplicemente la cosa non si poteva fare. Maroni spingeva a tutti i costi per la fusione. Smentito dall'allora assessore alle Infrastrutture Del Tenno. Smentito (privatamente) dai vertici di Trenord. Sul lato opposto, Pisapia aveva risposto con entusiasmo. Peccato che praticamente chiunque altro tra Palazzo Marino e foro Bonaparte fosse ampiamente scettico. La fusione non s'aveva da fare e infatti non è stata fatta.

2) La Sea. Maroni aveva proposto a Pisapia di entrare nell'azionariato di Sea. E Pisapia aveva risposto con entusiasmo. Anche qui, Affari scrisse che non si poteva fare. Fantasie? No, semplicemente Maroni e Pisapia stavano facendo i conti senza l'oste (F2i). E infatti, dopo un po' di scaramucce e vari titoli sui giornali, non se ne è fatto nulla.

3) Società mista per Aler. Il problema delle case popolari è scottante sia per Milano, che aveva dato in gestione ad Aler il proprio patrimonio immobiliare, sia per Regione Lombardie, alle prese con un carrozzone dai conti in estremo disordine. Quindi, si disse, l'accordo tra Pisapia e Maroni avrebbe potuto far nascere una good company sana, che avrebbe potuto ripartire con nuovi concetti gestionali, più sani ed efficienti. In questo caso, a dire che era una cosa che non si poteva fare, ci aveva pensato direttamente Lombardi, che in un'intervista ad Affari aveva fatto capire chiaramente perché tecnicamente questa cosa non reggeva. Adesso Aler ha disdetto la convenzione e della good company (ma anche della bad company) non se ne vede traccia.

Tre figli della pax maronian-pisapiana nati morti. Ognuno tragga le sue conclusioni.

@FabioAMassa

Tags:
maronipisapia






A2A
A2A
i blog di affari
Bipolarismo, ecco quando necessario usare il TSO
di Francesca Albi*
Olio extravergine d’oliva: benefici e caratteristiche
Anna Capuano
Décolleté con tacco alto o con zeppa: quale funzionerà per gli outfit di tutti
Anna Capuano

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.