A- A+
Milano
Case popolari, lite Maroni-Pisapia

"Non vogliamo fare discriminazioni con deroghe che snaturino le graduatorie e fanno perdere diritti, chiediamo a tutti, anche al Comune di Milano, di rispettare le regole". Cosi' il governatore della Lombardia, Roberto Maroni, interviene sulla polemica tra la Regione e il Comune di Milano in merito all'assegnazione in deroga di 426 alloggi popolari. "Se c'e' da intervenire a liberare le case occupate abusivamente bisogna farlo senza scorciatoie - ha aggiunto - Non e' stata concessa la deroga perche' non ci sono le condizioni ma mettiamo risorse a disposizione anche per il Comune di Milano per intervenire in maniera giusta ed equa".

Da parte sua l'assessore regionale alla Casa, Paola Bulbarelli, ha spiegato: "Il Comune ci ha chiesto la deroga di 426 alloggi, ma entro fine anno ridaremo alle famiglie milanesi 1.100 alloggi riqualificati, grazie al nostro bando del 2013". E questi 1.100 alloggi che saranno ristrutturati, secondo l'assessore, spiegano da soli perche' la richiesta della deroga non e' accettabile. Inoltre "non esistono cittadini 'di serie A' e cittadini 'di serie B'. Tutti devono avere la stessa possibilita' di accedere a un alloggio popolare e non possono esserci scorciatoie per nessuno". Per queste ragioni, oggi, con una delibera, la giunta regionale ha negato al Comune di Milano la possibilita' di aumentare dal 25 al 50 la percentuale di alloggi da assegnare in deroga alle graduatorie. Bulbarelli ha poi denunciato come siano oltre 3.500 gli alloggi occupati abusivamente nel comune di Milano. "Gli sgomberi vanno fatti - ha concluso - e in tempi rapidi. Bisogna avere la forza di prendere decisioni anche impopolari, per tutelare i tanti inquilini che, invece, pagano regolarmente i canoni di affitto".

Tags:
maronipisapia







A2A
A2A
i blog di affari
Due ori italiani a Tokyo 2020, ma “ex aequo” Tamberi (un po’) stonato
L'OPINIONE di Ernesto Vergani
Cassazione, trasferimenti immobiliari e crisi coniugali: la sentenza
Green pass, serve a poco se col vaccino posso comunque contagiare
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.