A- A+
Milano
Mattarella al Csm: "Stop al discredito verso le toghe". Il vicepresidente Legnini: "Poca attenzione al lavoro dei pm"

Alle minacce della mafia e del terrorismo si aggiungono "le tensioni sociali aumentate con la crisi". I magistrati "sono in prima linea" e quindi vanno "respinte con chiarezza tutte le forme, anche striscianti, di discredito nei loro confronti". Lo ha detto il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, intervenendo stasera alla riunione straordinaria del Csm. "Di fronte a gravi atti di violenza come quello di oggi a Milano occorre "rispondere con fermezza, ma sempre nel pieno rispetto delle garanzie costituzionali e dei diritti dell'uomo".

Legnini, poca attenzione a lavoro magistrati - "Troppo spesso la giustizia italiana viene posta sotto i riflettori per disfunzioni e per le polemiche su questa o quella decisione; poca attenzione viene riservata all'enorme lavoro quotidiano dei magistrati italiani che assolvono le proprie funzioni in condizioni difficili con sacrificio e dedizione". Lo ha detto il vicepresidente del Csm, Giovanni Legnini, nel corso del plenum straordinario, presieduto dal Capo dello Stato Sergio Mattarella, convocato dopo la sparatoria al tribunale di Milano.

Tags:
mattarellacsm






A2A
A2A
i blog di affari
Incostituzionale l'indeducibilità dell'IMU per le imprese: ora i rimborsi
Matrimonio tra Pascale e Turci, l'altro significato...
di Maurizio De Caro
PROGETTI PER LE SCUOLE, CONTRO LA MIOPIA, FONDI PER CONSUMATORI
Boschiero Cinzia

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.