A- A+
Milano

Tensione all’ospedale San Paolo di Milano dopo la morte di una bambina di 10 mesi che ieri pomeriggio è stata trasportata dai genitori nella struttura ospedaliera di Milano a seguito di un attacco di febbre.

Bernard e Tania S., una coppia di serbi che vive nel campo nomadi di Vaiano Valle, hanno portato la figlia dopo averle somministrato un medicinale ma al loro arrivo non c’era più nulla da fare.

Nonostante questo, quando la notizia della morte di Michela S. si è diffusa nella comunità del campo di Vaiano, una trentina di persone tra parenti e conoscenti della coppia, sono accorse al pronto soccorso e qui sono andate in escandescenze: hanno sfogato la loro rabbia lanciando sedie e suppellettili, anche se nessuno è stato aggredito e non ci sono stati feriti.

Il nervosismo dei presenti è arrivato a un livello tale da richiedere l’intervento di due volanti e di alcuni uomini della riserva del reparto operativo, che tuttavia non sono intervenuti perché il gruppo non ha avuto atti ostili.

Secondo quanto reso noto dalla Questura, la vera agitazione è durata soltanto qualche minuto, ma a causa della generale confusione, per circa un’ora le ambulanze sono state dirottate verso l’ospedale San Carlo.
 

Tags:
san paoloospedaleromrissa







A2A
A2A
i blog di affari
Le radici dell’Architettura
di Mariangela Turchiarulo
Green pass, il futuro del nuovo biocapitalismo della sorveglianza
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Obbligo Green pass decisione liberale
L'OPINIONE di Ernesto Vergani


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.