A- A+
Milano
Moda, i giovani imprenditori creano 5mila posti di lavoro
Sfilata Marni

È un settore prevalentemente femminile tra i giovani, sei titolari su dieci. Più di duemila gli under 35 lombardi, tra donne e uomini, che hanno creato un’impresa nel settore della moda. Di questi quasi la metà hanno un negozio di abbigliamento o una boutique, uno su tre crea e produce vestiti. Circa trecento  sono nella pelletteria, tra produzione e vendita. Circa 30 i giovani che creano gioielli e 80 quelli che li vendono in negozio. Boutique e negozi di scarpe i settori più femminili, circa sette titolari su dieci sono donne. Più donne anche nella fabbricazione. Prevalgono i giovani maschi solo nella fabbricazione di articoli in pelle e gioielleria. Oltre 5mila i posti di lavoro in Lombardia creati dai giovani imprenditori, in prevalenza nella produzione che ne offre più di 2mila. Sempre donne le maggiori datrici di lavoro, offrono 2736 posti. Emerge da un’elaborazione della Camera di commercio di Milano sui dati del registro delle imprese.

I giovani nella moda, prime Milano, Brescia e Bergamo. Prima Milano con 789 imprese giovanili (di cui 412 donne), poi Brescia con 323 (di cui 213 donne), Bergamo con 224 (142 donne), Varese con 150 (76 donne) e Mantova con 142 (78).  A prevalenza femminile, circa sette imprese su dieci, Brescia, Como, Cremona e Lecco. Quasi parità tra titolari maschi e femmine a Milano, Monza e Varese.

“In uno scenario internazionale – ha dichiarato Erica Corti, membro di giunta della Camera di commercio di Milano - dove la competitività gioca un ruolo chiave l’eccellenza della moda va sostenuta e difesa con iniziative in grado di favorire la crescita dei talenti emergenti, l’attrazione di risorse dall’estero e di aumentare la visibilità del nostro territorio in termini di immagine. In particolare, l’attenzione ai giovani stilisti e alla loro formazione, anche con le iniziative di oggi, rappresenta un importante investimento per il successo ed il futuro di questo comparto di strategica importanza per l’economia del territorio. Le iniziative realizzate creano poi indotto per il sistema economico milanese, anche in termini di ricadute positive per il comparto del turismo e per l’imprenditoria diffusa del territorio.  Per questo la Camera di commercio di Milano è accanto alla Camera Nazionale della Moda in particolare in questo momento di presentazioni dedicate ai giovani, significativo per la città e per le imprese del settore”.

Tags:
modaimprenditorilavoro







A2A
A2A
i blog di affari
Green Pass, prove generali della società del controllo biopolitico totalitario
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Le radici dell’Architettura
di Mariangela Turchiarulo
Green pass, il futuro del nuovo biocapitalismo della sorveglianza
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.