A- A+
Milano

Braccio di ferro tra il Comune di Bergamo e la comunita' islamica. I musulmani che vivono a Bergamo chiedono l'autorizzazione di poter usare uno spazio come luogo di preghiera, visto che gli edifici che hanno tentato di usare negli anni scorsi sono stati chiusi (per abusi edilizi) o hanno visto la bocciatura della relativa autorizzazione. Adesso l'Associazione di promozione culturale Rahmah ha deciso di rivolgersi al Tar contro il provvedimento del Comune che bocciava il capannone di fronte al quale centinaia di musulmani si ritrovano ogni venerdi' a pregare (all'aperto) per il cambio di destinazione d'uso da attivita' produttive e luogo di culto. In alternativa, si chiede che al Comune venga intimato di individuare un apposito spazio religioso all'interno del Piano dei servizi comunali.

Tags:
moschea







A2A
A2A
i blog di affari
Covid, aspettiamo che arrivi un governo militare: del resto "siamo in guerra"
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Filming Italy Sardegna Festival, conclusa la 4ª edizione con oltre 50 titoli
Alkemia sigla contratto triennale con l’India per materie prime


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.