A- A+
Milano
Multato bar per una ciotola per i cani. Il caso a Vigevano

Se non fosse un fatto davvero avvenuto, sembrerebbe una sit com. I vigili multano la barista per una ciotola d'acqua per cani che occupa abusivamente suolo pubblico in pieno centro a Vigevano (Pavia). Ma il sindaco paga di tasca sua la multa e avvia un'indagine interna per accertare le responsabilità e fare le opportune verifiche.

L'ammenda che si è ritrovata la titolare del bar, come racconta "La provincia pavese", è pari a 168 euro. I vigili erano entrati nel bar il 9 novembre, chiedendo alla titolare di rimuovere la struttura posta all'esterno del locale, una fioriera in vimini con una piccola lanterna e una ciotola per i cani. La barista non ha protestato e l'ha tolta immediatamente, ma si è vista recapitare comunque la sanzione.

Su Facebook è nata l'idea di organizzare domenica una manifestazione di protesta a cui, secondo gli organizzatori, dovrebbe partecipare anche il sindaco: non ci sarà una colletta per la multa, già pagata, ma si raccoglieranno fondi per il canile.

Tags:
vigevano






A2A
A2A
i blog di affari
Incostituzionale l'indeducibilità dell'IMU per le imprese: ora i rimborsi
Matrimonio tra Pascale e Turci, l'altro significato...
di Maurizio De Caro
PROGETTI PER LE SCUOLE, CONTRO LA MIOPIA, FONDI PER CONSUMATORI
Boschiero Cinzia

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.