A- A+
Milano

 

massimo d'avolio 2

di Fabio Massa

Giulio Cavalli ha battuto un colpo. Forte. "La 'ndrangheta ha minacciato di ammazzarmi. Hanno addirittura preparato un piano: doveva sembrare un incidente. Un pentito ha detto che nella politica lombarda c'è chi sapeva". A rompere il silenzio, adesso, è Massimo D'Avolio, consigliere regionale, componente della Commissione Antimafia, che spiega: "Io sto con Giulio. Senza se e senza ma. Le persone capaci di difendere l'idea di legalità anche a costo della vita vanno difese. Per questo sto pensando di organizzare un evento con lui e per lui". L'INTERVISTA DI AFFARITALIANI.IT

Consigliere D'Avolio, Cavalli ha detto che la politica lombarda tace malgrado le minacce della 'ndrangheta.
Ha ragione. C'è troppo silenzio su questo tema. Ci sono persone che si sono interessate, come Fiano, che è un parlamentare. Ma a livello di consiglio regionale forse dovremmo avere più attenzione per una persona che a costo della vita sta portando avanti l'idea della legalità.

Lei è stato sindaco di una città "difficile" come Rozzano. Che cosa ne sa della criminalità?
So che è un cancro difficile da estirpare. Come politico e come amministratore ovviamente non mi occupo di mettere in gabbia i delinquenti, ma posso arrestarli, nel senso di fermarli.

Come?
Con atti amministrativi stringenti, aumentando i controlli, sensibilizzando i miei elettori e i miei concittadini. E' questo che deve fare un amministratore. Ed è questo che vorrei fare anche in Regione. Non è un caso che siedo nella commissione antimafia. E vorrei dire di più...

Prego.
Vorrei organizzare, in collaborazione con Gianni Girelli, presidente della Commissione, per Giulio Cavalli, attore antimafia ed ex consigliere regionale, un evento sulla legalità a Milano. Un momento nel quale riflettere sul serio, e non solo per proclami come ha fino ad adesso fatto Maroni, sul concetto di "arresto della criminalità" da declinare in termini amministrativi. Non basta essere dei parolai. Bisogna fare i fatti. Senza aver paura di governare e senza aver paura di pagare in prima persona. A livello nazionale il sottosegretario Martina qualcosa di concreto lo sta facendo, per preservare l'Expo dalle infiltrazioni. Bisognerebbe prendere esempio.

@FabioAMassa

Tags:
ndrangheta






A2A
A2A
i blog di affari
Bipolarismo, ecco quando necessario usare il TSO
di Francesca Albi*
Olio extravergine d’oliva: benefici e caratteristiche
Anna Capuano
Décolleté con tacco alto o con zeppa: quale funzionerà per gli outfit di tutti
Anna Capuano

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.