A- A+
Milano

 

maroni congresso

di Fabio Massa

LA PREGIUNTA DECISIVA/ Ultimi giorni per le nomine in Regione Lombardia. Secondo quanto può riferire Affaritaliani.it la timeline è ormai pienamente definita. Mercoledì, in pregiunta, non se ne parlerà. Il meccanismo inaugurato dalla coppia Maroni-Mantovani prevede infatti che in pregiunta si incontrino i capisegreteria e i direttori generali. Sarà invece giovedì pomeriggio (o più probabilmente venerdì mattina) il momento della verità per gli ultimi enti che mancano all'appello. Lo spazio di discussione sarà la "giunta riservata", ovvero un appuntamento informale che si tiene sempre prima della giunta formale, che non viene verbalizzato e che vede riuniti intorno a un tavolo il presidente della giunta, il segretario generale e gli assessori. Subito dopo invece parte la fase deliberativa, che generalmente è anche più breve.

L'OSTACOLO DI SALDINI/ Che cosa ha bloccato Fabio Saldini? Quello che è stato definito "l'architetto di Paolo Berlusconi", dovrebbe essere definitivamente fuori dalla partita sia per Ersaf che per Navigli Lombardi. In Ersaf andrà Elisabetta Parravicini, mentre in Navigli Lombardi arriverà Mariella Bocciardo, vicecoordinatrice vicaria del Pdl regionale. A ostacolare Saldini sarebbe ancora una volta la legge anticorruzione Monti. A Saldini la Regione Lombardia aveva firmato un contratto di consulenza. Quindi, l'ufficio legale avrebbe fatto sapere che per lui si configura il caso di "inconferibilità".

3+2 o 4+1/ Tutta una questione di numeri per il Corecom, l'ente che assegna i fondi alle tv locali. I vertici (ridotti da 7 a 5), sono di nomina consigliare, mentre il presidente deve essere concertato tra Maroni e Cattaneo (alla guida della giunta e del consiglio). Le ipotesi sono due. Nella prima l'opposizione ha due pedine, la presidenza e un consigliere. A questo punto Stefano Rolando potrebbe accomodarsi alla presidenza. Soluzione però decisamente sgradita alla maggioranza, che punterà invece ad avere tutto. Quindi, quattro posti (inclusa la presidenza), mentre l'opposizione ne avrà uno (quello di Rolando). In questa seconda soluzione, per la presidenza se la giocano in tre: Gianluca Savoini fortissimamente voluto da Maroni, Giulio Boscagli sostenuto da Raffaele Cattaneo e Federica Zanella sponsorizzata da Mario Mantovani. Alla fine, i bookmakers danno per favorito Savoini. La motivazione? Nel consiglio la Lega Nord è stata marginalizzata e non ci sta a far passare un altro candidato ciellino...

FONDAZIONE A LUNGO TERMINE/ Si sa qualcosa dei vertici di Fondazione Fiera, che dovrebbero prendere il posto degli attuali (in prorogatio)? Per adesso da Palazzo Lombardia tutto tace. "La partita non è stata ancora esplorata", dicono i bene informati. Una sola cosa è certa: se ne parlerà con Carlo Sangalli, potente capo della Confcommercio. Che dovrà decidere se forzare il nome di Mario Boselli, adesso sgradito al Comune, oppure ripiegare su altre soluzioni "made in Assolombarda", ovvero gli ex Benito Benedini, Alberto Meomartini o Michele Perini.

@FabioAMassa

Tags:
nomine






A2A
A2A
i blog di affari
Olio extravergine d’oliva: benefici e caratteristiche
Anna Capuano
Décolleté con tacco alto o con zeppa: quale funzionerà per gli outfit di tutti
Anna Capuano
Frutta secca: benefici e quando mangiarla
Anna Capuano

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.