A- A+
Milano
Pasqua, i milanesi spenderanno 40 milioni per il pranzo

Pranzo pasquale da 40 milioni all'insegna della tradizione per i milanesi. Le vendite alimentari e di prodotti tipici legati alla Pasqua durano in media otto giorni. Rispetto a un giorno normale, in occasione di questa festivita' le vendite aumentano del 18,5%. Non mancheranno in tavola i prodotti tipici: la colomba e l'uovo di cioccolato (meno, pero', il cioccolato artigianale). Tra le carni, al primo posto l'agnello. Per la meta' dei consumatori, l'importante e' che siano prodotti di qualita' e vi e' attenzione al prezzo. E' quanto emerge da una indagine della Camera di Commercio di Milano sugli operatori milanesi dei settori interessati dalla festa tra pasticcerie, alimentari e macellerie.

"Come tradizione, agnello per Pasqua in 'pole position' nelle macellerie seguito da vitello ed arrosto - afferma Giorgio Pellegrini (presidente della Associazione milanese macellai Confcommercio). Il costo e' intorno ai 20 euro al kg". "Sempre richieste le colombe artigianali (20-25 euro al kg.) - rileva Pietro Restelli (presidente della Associazione panificatori di Milano Confcommercio) - seppur con un lieve calo rispetto allo scorso anno. In ribasso, invece, le vendite di uova artigianali di cioccolato". Dato, sulle uova, che conferma anche Sergio Pietro Monfrini (presidente di Assofood Milano, l'Associazione Confcommercio del dettaglio alimentare). Le imprese nei settori interessati dalla festivita' in Lombardia sono quasi 16 mila tra panifici, pasticcerie, macellerie, supermercati e alimentari con un peso del 10,5% sul totale italiano. Il maggior numero di attivita' si concentra a Milano (4.507). Seguono Brescia (2.523), Bergamo (1.816), Varese (1.157) e Pavia (1.127).

Tags:
pasquapranzomilanesi







A2A
A2A
i blog di affari
"Unite civilmente, se una delle due morisse a chi va l'eredità?"
di Avv. Violante Di Falco *
De Donno, eroe della medicina democratica che non piaceva ai potenti D. FUSARO
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Salento: pastella, cozze aperte all’ampa... Chi l'ha detto che si mangia male?
di Francesca Micoccio


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.