A- A+
Milano
La Regione "riesuma" la proposta di Renzo Bossi: patrocinio per delitti in eccesso di legittima difesa

Circa un milione di euro per contrastare la criminalita' e diffondere la cultura della legalita'. E poi il patrocinio per coloro che sono accusati di un delitto per eccesso colposo in legittima difesa, finanziato con 50mila euro. Sono questi, in sintesi, i contenuti del progetto di legge che la giunta regionale lombarda, su proposta dell'assessore alla Sicurezza, Protezione Civile e Immigrazione Simona Bordonali, ha approvato e che riforma due leggi regionali del 2011 di cui era stato relatore l'allora consigliere leghista Renzo Bossi. "Abbiamo scelto di armonizzare i contenuti di due testi - ha spiegato Bordonali - per ottenere un provvedimento che sia piu' efficace anche grazie ad un miglior impiego delle risorse". All'interno della misura rientrano anche i fondi destinati agli enti locali per gestire o riassegnare i beni confiscati alle mafie.

Tags:
renzo bossipatrociniolegittima difesasimona bordonali






A2A
A2A
i blog di affari
Incostituzionale l'indeducibilità dell'IMU per le imprese: ora i rimborsi
Matrimonio tra Pascale e Turci, l'altro significato...
di Maurizio De Caro
PROGETTI PER LE SCUOLE, CONTRO LA MIOPIA, FONDI PER CONSUMATORI
Boschiero Cinzia

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.