A- A+
Milano
Allarme Pedemontana: senza finanziamenti entro il 9 aprile stop ai cantieri

Mancano i finanziamenti e il Cda di Pedemontana ha deliberato di sospendere tutti i cantieri. La decisione riguardera' il tratto Lomazzo-Milano Meda e della variante Expo, nonche' quelli delle tangenziali di Como e Varese, qualora entro il prossimo 9 aprile non sia stato dato il via libera alla proroga, al 30 giugno, del finanziamento ponte di 200 milioni milioni di euro - con conseguente erogazione dei contributi pubblici gia' deliberati e di quelli che verranno a maturazione entro la stessa data - e non sia avvenuto il finanziamento da parte dei soci di 38 milioni necessario per coprire le esigenze finanziarie fino al 30 giugno.

Richiamando i soci, il cda ha sottolineato la necessita' dell'impegno di tutti "per finanziare il fabbisogno necessario per completare la variante Expo". La decisione del cda di Pedemontana e' stata adotta a seguito del rifiuto da parte delle banche di "eseguire un finanziamento project di euro 400 milioni, finalizzato alla realizzazione della variante Expo"; ma sulla scelta hanno pesato anche il fatto che "nonostante le promesse piu' volte espresse dal Governo, il PEF di Pedemontana non e' ancora stato approvato dal CIPE; che ad oggi non e' stata ancora assicurata la provvista finanziaria di circa 170 milioni, necessaria per ultimare la variante Expo entro il 30 aprile 2015; le problematiche che hanno impedito a CAL (Concessioni Autostradali Lombarde), anche per la mancata autorizzazione del MIT, di procedere all'erogazione, entro la data odierna, dei contributi gia' approvati".

Da questo quadro, dunque, e' dipesa la scelta della sospensione dei cantieri, assunta con consapevole "preoccupazione" dalla societa' visto che "settimanalmente sono presenti sul cantiere, fra tecnici e operai, oltre 3300 lavoratori". Il cda della Pedemontana ha quindi invitato "il Governo e le autorita' regionali, nonche' i soci Banca Intesa Sanpaolo e Ubibanca, unitamente a Milano Serravalle a fare tutto quanto in loro potere per garantire la copertura di euro 170 milioni necessari per mantenere il posto di lavoro a tante famiglie e il completamento delle opere".

Tags:
pedemontanaexpobanche







A2A
A2A
i blog di affari
Caso MPS, ragionevoli le condizioni poste da Unicredit per l’acquisizione
L'OPINIONE di Ernesto Vergani
Vaccini, a settembre in arrivo la terza dose: strumento della nuova normalità
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Due ori italiani a Tokyo 2020, ma “ex aequo” Tamberi (un po’) stonato
L'OPINIONE di Ernesto Vergani


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.