A- A+
Milano
Pisapia contro Moretti: "Non sceglieremo tra Malpensa e Linate"

L'aeroporto di Linate con la sua "comodita'" e quello di Malpensa con la sua "ricettivita'", "non sono certo uno contro l'altro ma sono un punto di forza della citta' da valorizzare congiuntamente". Questa l'immediata risposta del sindaco di Milano, Giuliano Pisapia, all'amministratore delegato delle Ferrovie dello Stato, Mauro Moretti, che oggi alla 'mobility conference' aveva invitato a scegliere tra i due scali. Il comune di Milano detiene tuttora la maggioranza delle azioni della Sea, la societa' che gestisce gli aeroporti. "E' necessario - ha commentato Pisapia, presente al convegno - un piano nazionale dei trasporti, ma non deve essere penalizzato nessuno scalo tanto meno Malpensa".

Rocca - Privatizzare Sea e rilanciare gli aeroporti di Linate e Malpensa, senza mettere inutilmente in contrapposizione i due scali. Questa la soluzione preferita da Assolombarda, secondo quanto affermato oggi dal presidente Gianfelice Rocca durante l'annuale edizione della 'Mobility Conference'. "Chiediamo alle istituzioni locali socie di Sea di riflettere se non sia il caso di aprire al mercato la societa' di gestione - ha detto - privatizzare Sea potrebbe utilmente risolversi in un'operazione nella quale investitori istituzionali di settore potrebbero accompagnare e affiancare il potenziamento della presenza di alcune grandi compagnie europee".

Secondo Rocca "la cosa migliore e' avere persone che sappiano gestire l'azienda". Privatizzare attraverso "cordate di imprenditori che si mettono a fare un mestiere che non conoscono, vedi Alitalia, non mi sembra una grande idea. Bisogna piuttosto metterla sul mercato, sono convinto che con l'intervento del Fondo Italiano e di gestori internazionali si possa far volare Malpensa di nuovo". Rocca invita inoltre a non riattizzare lo scontro tra Milano e Roma con il pretesto della trattativa tra Etihad e Alitalia "come se potesse dipendere da questo il numero di piu' rotte sul lungo raggio a Malpensa. Occorre uscire dalla logica per la quale il potenziamento di Malpensa passa per la riduzione di Linate. E' il bisogno oggettivo dei cittadini e delle imprese milanesi, a cominciare dal settore business, a dire che Linate deve restare uno scalo aperto al piu' alto numero di connessioni europee e all'interconnessione con gli hub europei, mentre Malpensa deve adoperarsi per accrescere le tratte intercontinentali di una pluralita' di settori".

Pisapia - Questo non e' il momento di privatizzare Sea. E' la risposta del sindaco di Milano, Giuliano Pisapia, al presidente dell'Assolombarda, Gianfelice Rocca, che aveva caldeggiato la vendita della societa' di gestione di Linate e Malpensa, controllata dal comune. "Per ogni cosa c'e' il momento giusto - ha detto ai giornalisti - questo non e' il momento giusto. Abbiamo gia' fatto un passo avanti, quello di vendere quote di Sea a un privato. In questo momento e' necessario che Sea rimanga al pubblico, perche' ha un ruolo fondamentale per Expo e la citta' metropolitana".

Tags:
malpensalinate






A2A
A2A
i blog di affari
Bipolarismo, ecco quando necessario usare il TSO
di Francesca Albi*
Olio extravergine d’oliva: benefici e caratteristiche
Anna Capuano
Décolleté con tacco alto o con zeppa: quale funzionerà per gli outfit di tutti
Anna Capuano

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.