A- A+
Milano
Pisapia indagato per non aver cancellato nozze gay

Il sindaco di Milano, Giuliano Pisapia e' indagato per omissione di atti di ufficio per non aver ottemperato alla richiesta del prefetto di cancellare le trascrizioni dei matrimoni omosessuali. A comunicarlo e' lo stesso primo cittadino, durante un convegno del Pd in corso a Milano.

Renzi tiri orecchie ad Alfano - "Siccome c'e' un presidente del consiglio, molto bravo, che ha capacita' di decidere, mi chiedo: ma fare una tirata di orecchie al ministro Alfano, facendogli ritirare quella circolare blasfema dal punto di vista giuridico?". Il sindaco di Milano Giuliano Pisapia, chiede apertamente l'intervento del premier affinche' venga ritirata la circolare che il ministro dell'Interno, Angelino Alfano invio' ai prefetti affinche' facessero annullare i matrimoni di persone dello stesso sesso, in quanto non conformi alle nostre leggi. "Non voglio polemizzare con il prefetto - spiega - c'e' qualcuno in alto che da' indicazioni e ordini". Pisapia, che questo pomeriggio ha annunciato di essere indagato per omissione di atti di ufficio per non aver dato seguito alle richieste del prefetto, auspica anche la presa di posizione dei presenti in sala: "se da questa assemblea venisse un appello forte potremmo non allontanare altre persone dalla politica".

Tags:
pisapia







A2A
A2A
i blog di affari
E' nata la figura del “Servo di Stato”. Con Draghi il popolo diventa cagnolino
di Maurizio De Caro
"Tutti in presenza". Nessun obbligo vaccinale per la scuola
Passa la linea Draghi: via libera all'agenzia cyber


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.