A- A+
Milano
Procura chiede condanna a 7 anni per quattro poliziotti

Il pm di Milano Gaetano Ruta ha chiesto la condanna a 7 anni di reclusione per quattro poliziotti accusati di omicidio preterintenzionale in relazione alla morte di Michele Ferrulli, deceduto per arresto cardiaco, dopo essere stato ammanettato e immobilizzato a terra in via Varsavia, a Milano. Il pm ha chiesto ai giudici della Corte d'appello di riconoscere, comunque, le attenuanti generiche, tenuto conto anche della circostanza che, a detta dei loro colleghi sentiti durante il processo "non hanno mai dato problemi nelle attivita' di servizio".

Inoltre, ha sottolineato Ruta, "sono sempre stati presenti e composti al processo e la loro difesa e' stata leale". Per quantificare la pena, il pm e' partito da quella minima prevista per l'omicidio preterintenzionale, 10 anni, ridotta per la concessione delle generiche e poi aumentata per l'accusa, in continuazione con quella di omicidio preterintenzionale, del reato di falsita' ideologica. I poliziotti, infatti, secondo quanto ricostruito dal pm avrebbero redatto una relazione di sevizio "falsa ed edulcorata".

Tags:
procura milano







A2A
A2A
i blog di affari
E' nata la figura del “Servo di Stato”. Con Draghi il popolo diventa cagnolino
di Maurizio De Caro
"Tutti in presenza". Nessun obbligo vaccinale per la scuola
Passa la linea Draghi: via libera all'agenzia cyber


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.