A- A+
Milano
"Pronti per un progetto da 5 milioni". Moschee, assemblea del Caim

di Fabio Massa

Davide Piccardo, coordinatore del Caim (l'unione delle associazioni islamiche di Milano), in un'intervista ad Affaritaliani.it annuncia che entro venerdì si terrà la riunione di tutti i soci: "Dobbiamo capire chi partecipa al bando per i luoghi di culto. Teoricamente potremmo partecipare per più di un luogo. L'investimento? Avevamo stimato 8 milioni per la grande moschea, ma potrebbe essere meno, tra i 4 e i 5 milioni". L'INTERVISTA DI AFFARITALIANI.IT

Davide Piccardo, soddisfatti?
Il problema è che adesso bisogna correre. Fino a martedì non sapevamo nulla, e l'ufficialità è arrivata venerdì. Entro questa settimana ci riuniremo e decideremo.

Puntate al Palasharp?
Non abbiamo ancora fatto l'assemblea di Caim, quindi questo non posso dirlo. Abbiamo diverse associazioni iscritte all'albo delle religioni. Capiremo anche quale associazione ha intenzione di concorrere e per quali aree.

Potreste concorrere con più associazioni?
Sì, teoricamente sì, sono otto o nove quelle iscritte all'albo.

Se dovesse scegliere lei, che cosa sceglierebbe?
Non posso scegliere da solo. Potessi, sceglierei tutte e tre, perché ovviamente vuol dire avere molti luoghi di culto sul territorio.

Dopo questo risultato, che cosa ne pensa della giunta Pisapia?
E' stato un processo lungo e anche faticoso ma senza dubbio si sta segnando una svolta importante per Milano e anche per noi.

L'assessore Majorino?
Ha fatto bene il suo lavoro, fino ad ora.

Che cosa ne pensa delle polemiche della Lega?
Il problema della Lega Nord è che non riesce a rassegnarsi al fatto che il mondo è cambiato e pure tanto. Tra l'altro strumentalizza queste questioni per finalità propagandistiche. Peraltro non so neppure quanto credano in quel che sostengono. Qui ci sono 100mila musulmani in città, e qual è la loro proposta? Negare il diritto di culto? E' un partito che fa protesta ma non proposta.

Torniamo al luogo di culto. Sarà comunque oneroso realizzarlo...
Sì, molto. In via Esterle c'è già un immobile e richiede meno investimenti. Economicamente ci sarà uno sforzo importante per la comunità, ma se bisogna dotare città di una moschea questo sforzo si deve fare.

Moschea? Oppure centro culturale?
Macché centro culturale, questa sarà una moschea. Noi facciamo una moschea, diciamolo chiaro e tondo. Non giochiamo sulle parole.

Quanto potrebbe costare il progetto?
Quanto può costare dipende da tante cose, dalla metratura, dalla qualità del progetto. Difficile quantificare. Noi abbiamo fatto una stima sull'area del Palasharp, che in origine era molto più grande, ed eravamo tra i 6 e gli 8 milioni. Facendo due conti a spanne potrebbe costare la metà, 4 o 5 milioni di euro. Ma sto facendo una stima ipotetica, sia chiaro.

Certo che il momento di geopolitica internazionale, con l'Isis...
Guardi, la fermo subito. Noi abbiamo partecipato alla fiaccolata per la vita contro l'Isis. Siamo stati in prima linea su questa cosa: noi siamo su posizioni di rigetto assoluto. Siamo stati chiarissimi. Il loro operato contraddice i fondamenti più basilari dell'Islam. Siamo stati estremamente chiari su questa cosa. Con la moschea a Milano l'Isis non c'entra nulla.

@FabioAMassa

Tags:
progettomoscheecaim







A2A
A2A
i blog di affari
Coordinatore genitoriale, tribunale lo impone: chi è? Posso rifiutarmi?
di Michela Carlo
Green Pass, prove generali della società del controllo biopolitico totalitario
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Le radici dell’Architettura
di Mariangela Turchiarulo


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.