A- A+
Milano
Regione/Sanità, per Maroni riforma entro luglio

La maggioranza di centrodestra in Lombardia intende lavorare in commissione per trovare una proposta unitaria in tempi rapidi sulla riforma del sistema socio-sanitario. E l'approvazione finale dovra' arrivare entro la fine di luglio. Ad annunciarlo e' stato il presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni, in conferenza stampa assieme agli assessori alla Salute Mario Mantovani, alla Famiglia Cristina Cantu', e ai capigruppo della maggioranza di centrodestra. Qualche settimana fa il governatore aveva istituito un tavolo di maggioranza che avrebbe dovuto formulare una proposta unitaria da portare in commissione Sanita', visto che al momento i progetti di riforma del sistema socio-sanitario sul tavolo sono tre: quello della giunta, di Ncd e di Forza Italia. Maroni ha assicurato che "la maggioranza lavorera' in commissione per trovare una proposta unitaria in tempi rapidi" e c'e' "l'ambizione di coinvolgere anche le opposizioni".

I principi cardine della riforma restano "la liberta' di scelta" e il passaggio "da curare al prendersi cura", reso necessario dall'evoluzione "della societa' lombarda con l'allungamento della vita media e l'aumento della cronicita'". Secondo il governatore bisogna "riuscire ad approvare la riforma entro l'estate, al massimo a fine luglio" in Consiglio regionale e ci sono "tutte le condizioni". I tempi devono essere rispettati perche' "a fine anno si deve procedere con la nomina dei nuovi dg delle Asl" e dunque bisogna avere chiaro il quadro delle nuove regole. Sul tema del super-assessorato che dovrebbe riunire Salute e Famiglia, fortemente sponsorizzato da Maroni, il governatore ha concluso: "Portera' molti vantaggi, soprattutto risparmi nell'ordine di 70/80 milioni di euro".

Tags:
roberto maroniregione lombardiasanitàriforma







A2A
A2A
i blog di affari
Green pass, a cosa serve realmente la tessera verde?
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Green pass, l'irresponsabile accettazione cadaverica del nuovo Leviatano tecnosanitario
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Covid, aspettiamo che arrivi un governo militare: del resto "siamo in guerra"
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.