A- A+
Milano

di Daniele Bonecchi
 
Due buone idee. Il sindaco Giuliano Pisapia propone di allargare la movida a Lambrate e nei quartieri abbandonati dalla grande industria. Così la caciara notturna non crea disagi ai residenti, che non ci sono. Non è male pensare di far crescere l'appeal della Milano by night, in tempo di crisi, creando nuove zone d'incontro per i giovani. E Alfredo Zini, per conto degli esercenti dell'Epam, aggiunge: perché non creare delle zone tax free, dove chi vuol aprire un bar o un ristorante non si trova la valanga di tasse che azzoppano qualsiasi attività. Due buone idee da condire col buon senso. Perché Brera e il Ticinese non vivono senza movida. E perchè il tema della sicurezza è sempre d'attualità, in centro come in periferia. Se il presidio del territorio lo fanno quelli del racket degli accattoni, o gli abusivi di tutte le risme, che popolano le zone commerciali, invece dei vigili di quartiere (mai nati), il problema certo non si risolve, andando a Lambrate.
 

Tags:
milanopisapiamovida







A2A
A2A
i blog di affari
Green pass, a cosa serve realmente la tessera verde?
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Green pass, l'irresponsabile accettazione cadaverica del nuovo Leviatano tecnosanitario
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Covid, aspettiamo che arrivi un governo militare: del resto "siamo in guerra"
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.