A- A+
Milano
Scala, i sindacati scioperano: a rischio anche la celebre "Prima"

Anche la Fistel Cisl e la Fials Cisal aderiscono allo sciopero proclamato per il 27 giugno e il 4 luglio dai lavoratori del teatro alla Scala di Milano. La decisione, preannunciata ieri da Cgil e Uil, arriva "a seguito dell'inaccettabile decisione della direzione del teatro di rendere esecutivo l'articolo 19 del decreto 83 relativo al trattamento economico in caso di malattia". Richiamando l'importanza del riconoscimento al Piermarini dell'autonomia, i lavoratori anticipano anche di essere pronti a "mettere in campo tutte le iniziative necessarie, a partire dall'inaugurazione della stagione prossima e dell'Expo", si legge in un comunicato.

I lavoratori di Fistel Cisl e Fials Cisal rivendicano che, con l'applicazione alla Scala delle trattenute sui giorni di malattia previste per il pubblico impiego, si ignorano "le proporzioni reali di cui consta la retribuzione di un dipendente di una fondazione lirica". Il decreto, a detta dei lavoratori, trascura il fatto che alla Scala l'assenteismo sia sempre stato "sotto livelli fisiologici". "Ci stupisce e ci sconcerta - scrivono i sindacati - la decisione della direzione generale, che ci da' ancora una volta la triste conferma della mancanza di sintonia ai vertici della fondazione". L'autonomia del teatro "e' una necessita' imprescindibile per la citta' di Milano, per il suo sistema cultura in vista dell'Expo e a garanzia del suo futuro produttivo". "I lavoratori - concludono - si dichiarano disponibili a profondere qualunque sforzo per la riuscita di una manifestazione fondamentale per l'immagine del Paese, ma questo potra' avvenire solo in un quadro di certezza di regole, attraverso una contrattazione che tocchi tutti i nodi ancora irrisolti e in una fondazione realmente autonoma".

Tags:
sindacatiscalaprima






A2A
A2A
i blog di affari
Bipolarismo, ecco quando necessario usare il TSO
di Francesca Albi*
Olio extravergine d’oliva: benefici e caratteristiche
Anna Capuano
Décolleté con tacco alto o con zeppa: quale funzionerà per gli outfit di tutti
Anna Capuano

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.