A- A+
Milano
Se tua figlia è rom puoi abbandonarla: sentenza choc a Bergamo

Un uomo che aveva abbandonato la figlia di sette anni nel centro di Bergamo e' stato assolto dall'accusa di abbandono di minore con la motivazione che la bimba e' Rom, abituata a questo tipo di situazione. Il padre, 48 anni, vedovo con dieci figli, aveva lasciato la piccola sulle scale delle Poste centrali di Bergamo mentre lui chiedeva l'elemosina poco distante. La bimba era stata notata dai vigili che, dopo aver rintracciato il padre, lo avevano denunciato. Il gip Tino Palestra lo ha pero' assolto perche' il fatto non costituisce reato. E ha spiegato nella motivazione che in questo caso l'abbandono della bimba non l'aveva esposta "a nessun tipo di pericolo (cio' avviene - dirlo sembra cinico, se non addirittura venato di razzismo, ma e' semplicemente realistico - quando i bimbi stessi sono abituati a queste situazioni e conoscono perfettamente lo stile di vita nel quale sono destinati a crescere, senza che lo Stato-tutela ritenga di intervenire in qualche modo)". Tanto e' vero che gli stessi vigili non si erano rivolti ad alcuna agenzia di protezione dell'infanzia e la stessa Procura minorile aveva gia' riaffidato la piccola al padre, "di fatto valutando come non abbandono nel senso pregnante del termine cio' che il padre aveva appena fatto".

Tags:
rombergamo







A2A
A2A
i blog di affari
Luoghi dell’anima: le “piccole case” di Bruno Messina
di Mariangela Turchiarulo
FSBA: ANNULLATE LE SENTENZE DEL TAR DEL LAZIO
Green pass, non l’avete capito? Non serve a controllare il virus, ma voi
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.