A- A+
Milano
Sereno stabile tra Rota e il Pd. Le cattiverie di Affari dalla Festa dell'Unità

di Fabio Massa

CATTIVERIA-1/ E' tornato il bel tempo nel barometro tra Bruno Rota, presidente di Atm, e il Partito Democratico milanese. Sono lontani i tempi dell'inverno scorso, quando i democratici dell'allora neosegretario Bussolati sparavano a palle incatenate sul rinnovo del manager. Adesso, durante un convegno alla Festa dell'Unità, Pietro Bussolati, sul palco scandisce: "Abbiamo chiesto al presidente Rota di essere tra noi riconoscendo l'eccezionale qualità del lavoro da lui svolto in Atm in questi anni". In sala anche l'assessore ai Trasporti Pierfrancesco Maran, che non applaude solo perché ha un braccio ingessato.

CATTIVERIA-2/ La prende larga, Massimo D'Avolio, consigliere regionale. Ma alla fine ne esce davvero bene. Al convegno con la manager di Uber, in sala i tassisti rumoreggiano. Lui racconta la sua giornata, dal caffè con le riunioni fino al tragitto per arrivare alla Festa dell'Unità. "Alla fine mi sono accorto che per arrivare qui non avrei avuto l'automobile, per un imprevisto. E allora mi sono chiesto: che cosa posso fare? E ho chiamato un taxi". Boato in sala, applausi a scena aperta.

CATTIVERIA-3/ "Di qui non si passa, ordine del questore". Evabbè facciamocela a piedi fino all'ingresso del Carroponte. Davanti ai cancelli tante camionette, con agenti pronti a tutto. Dentro, del resto, ci sono a pochi metri di distanza i tassisti e la manager di Uber. L'ultima volta volarono uova marce. Questa volta, alla fine, qualche applauso ironico e un assalto al palco appena concluso il dibattito. "Cariconeee", fa uno dal fondo della sala. Ma la polizia porta via Arese Lucini, che in un attimo esce dal tendone e letteralmente scompare. I tassisti, in mancanza di altro, si mettono a litigare tra di loro.

CATTIVERIA-4/ "Ma lo sai che la Arese Lucini, general manager di Uber, è stata compagna di classe di Pierfrancesco Maran, assessore ai trasporti? Per questo la favorisce..." Voci dei tassisti incazzati. Che però sbagliano i conti, perché la Lucini ha 30 anni, e Maran (ahilui) ne ha 34. I casi sono due: o è stato bocciato 4 volte di fila, o è una bufala. Buona la seconda.

@FabioAMassa

Tags:
rotapd







A2A
A2A
i blog di affari
Il braccio robotico di Perseverance alla ricerca di segni di vita su Marte
di Maurizio Garbati
Green pass obbligatorio, nuovo mezzo di schedatura totalitaria dei sudditi
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Coordinatore genitoriale, tribunale lo impone: chi è? Posso rifiutarmi?
di Michela Carlo


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.