A- A+
Milano
Seveso, la Regione: "Gli allagamenti possono ripetersi". L'intervista

di Fabio Massa

Simona Bordonali, assessore regionale alla Protezione Civile, non le manda a dire a Pisapia: "Pare una trottola. La struttura ha funzionato e i protocolli si sono attivati, basta polemiche", spiega ad Affari. Poi annuncia: "Fatto eccezionale, ma si può ripetere". L'INTERVISTA DI AFFARITALIANI.IT

Assessore Bordonali, c'è stata una grande polemica sul mancato allarme.
Per quanto riguarda la questione dell'allarme Pisapia continua a fare avanti e indietro. E' una trottola. Ieri c'è stato l'incontro in Comune con il sindaco e Granelli, ed era stato chiarito molto bene e ribadito anche da loro che il sistema di Protezione Civile aveva funzionato nel migliore dei modi. L'allarme temporali era partito ampiamente in anticipo tanto che il sistema si era attivato nei tempi previsti con i protocolli previsti. Di fatto l'intensità del temporale e la piovosità localizzata sul bacino del Seveso ha portato a quello che è avvenuto. Ma non c'è la responsabilità di un mancato allarme.

Il Comune oggi dice che i fondi ce li ha e che è la Regione ad essere indietro.
La Regione è avanti rispetto a tutti gli altri enti. Sono mesi che Regione sollecita da un lato il Comune di Milano e gli altri comuni dove dovranno sorgere le vasche di laminazione. Tra l'altro mi risulta che Senago sia dello stesso partito del sindaco Pisapia: se Pisapia si è convinto sulla vasca di Senago faccia pressioni sul suo collega di partito. La Regione i fondi ce li ha. Il Comune di Milano pare che finalmente abbia messo a disposizione la sua parte, ma finché non vedo i soldi ha comunque perplessità.

Il Seveso può esondare ancora?
Il Seveso e il Lambro hanno problemi strutturali. Questo evento è stato eccezionale, ma il problema è sistemico. Anche 15 giorni fa il Seveso è esondato. Chi vive vicino al Seveso sa che è veramente un fenomeno quotidiano. I problemi che ci sono stati possono ripetersi. Per quanto riguarda le altre criticità il sistema di Protezione Civile della Regione Lombardia è all'avanguardia sia per la previsione che le risposte in caso di emergenza. Stanotte eravamo preoccupati per il Lambro, ma per fortuna tutto è andato bene. Per un anno abbiamo lavorato sulle situazioni di emergenza, questo lavoro ha avuto buoni frutti.

Concorderà però che è inaccettabile che Milano si allaghi in questo modo.
Inaccettabile. E' vero. E' inaccettabile così come sono inaccettabili tutte le polemiche durante l'emergenza. Io ero impegnata a seguire il caso, ad operare, altri invece dovevano parlare a tutti i costi. La gente vuole vedere risposte concrete, delle polemiche non gli interesse assolutamente niente. Dobbiamo lavorare su questo.

Quindi?
Quindi Regione ha messo a disposizione i fondi, ha i progetti: che i Comuni adesso si sblocchino. Lunedì ci sarà un altro incontro con la presidenza del Consiglio e con l'assessore Beccalossi. Qui parliamo di sei vasche, non di una sola. Anche il governo deve fare la sua parte. Anche perché con i ministri europei sul nostro territorio di certo non ci abbiamo fatto una bella figura.

@FabioAMassa

Tags:
sevesoregione







A2A
A2A
i blog di affari
Green Pass: l'umanità ha disperato bisogno di uomini come Fabrizio Masucci
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Matteo Pittaluga: l'aspetto mentale per diventare Social Media Manager
Dario Ciracì
il project financing collegato al partenariato pubblico privato (seconda parte


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.