A- A+
Milano
Sgomberi in case popolari, centri sociali pronti alla guerra

Gennaio di fuoco sul fronte degli sgomberi nelle case popolari: almeno sei gli appuntamenti ad alto rischio nei prossimi giorni, con la mobilitazione promossa dai comitati di quartiere contro l'esecuzione di altrettante ingiunzioni. Primo presidio in via degli Umiliati, Ponte Lambro. Quindi, via Monte Palombino, via Lopez, ancora via degli Umiliati, via Aretusa, via Romilli. Centri sociali sul piede di guerra e si temono scontri con le forze dell'ordine.

«I già drammatici dati degli sfratti sono destinati a moltiplicarsi nel brevissimo periodo — recita il comunicato degli antagonisti — e la precarietà abitativa quest’anno arriverà a colpire una fetta sempre maggiore della nostra società. Queste migliaia di persone, che dovrebbero avere la possibilità di trovare una soluzione, rimarranno invece più probabilmente per strada ad arrangiarsi. Ma alla solitudine e alla disperazione che possono cogliere chi si ritrova in pochi anni a non avere più alcuna certezza, c’è un’alternativa: la solidarietà, il mutuo soccorso, la lotta dal basso per la casa e per il diritto ad un abitare degno».

Circa 500 gli sgomberi effettuati nel 2014 secondo i dati del questore Luigi Savina. Una cifra che non sarebbe maggiore rispetto agli anni precedenti.

Tags:
sfratticentri sociali






A2A
A2A
i blog di affari
Bipolarismo, ecco quando necessario usare il TSO
di Francesca Albi*
Olio extravergine d’oliva: benefici e caratteristiche
Anna Capuano
Décolleté con tacco alto o con zeppa: quale funzionerà per gli outfit di tutti
Anna Capuano

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.