A- A+
Milano
Strage tribunale, notaio a guardia: "Ho la pistola, che faccio?"

Un notaio si presenta all'ingresso del Tribunale di Milano di via Freguglia, quello aperto al pubblico, e mostra agli addetti alla sicurezza una pistola, spiegando di avere un regolare porto d'armi e chiedendo come si deve comportare dopo la sparatoria del 9 aprile scorso. I vigilantes gli spiegano che le regole restano sempre le stesse, non si puo' accedere attraverso il varco pubblico con una pistola neppure se si e' in possesso del porto d'armi.

Una domanda, quella del professionista, fatta per puro scrupolo perche' di fatto era gia' entrato nel Tribunale, attraverso l'ingresso riservato, senza sottoporsi al metal detector, per recarsi nell'Archivio notarile. "Chi entra dall'ingresso riservato - spiega uno degli uomini della Security, protagonista dell'episodio - puo' farlo con un'arma, io conosco almeno quattro, cinque avvocati che lo fanno regolarmente". Negli ultimi mesi, aggiunge l'addetto alla sicurezza, "abbiamo fermato all'ingresso dopo un controllo al metal detector, tra gli altri, un poliziotto in pensione e un investigatore privato che avevano una pistola".

Tags:
strage tribunale






A2A
A2A
i blog di affari
Il federalismo per salvare la democrazia italiana
Di Ernesto Vergani
AIUTI PER I VOLONTARI, AUDIT ENERGIA, DONATORI SANGUE, INCENDI
Boschiero Cinzia
PENSIONI INTEGRATIVE EUROPEE, WELFARE, FONDI PER SCUOLA E MIGRANTI
Boschiero Cinzia

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.