A- A+
Milano
Traffico, per Croci si può fare di più: "Allargare l'area C"

"Milano figura in molte classifiche italiane ai primi posti tra le metropoli per quanto riguarda le politiche per l'ambiente e la mobilità sostenibile, ma quando il confronto si estende alle altre città europee precipita di posizione. Così è anche nella recente classifica "Sootfree Cities". L'esempio delle città più avanzate è quello di ridurre fortemente l'uso dell'auto  privata a beneficio del trasporto pubblico e della mobilità sostenibile. Un obiettivo che richiede maggiore ambizione e incisività anche nel PUMS - piano urbano della mobilità sostenibile attualmente in fase di consultazione. Tra i punti di forza di Milano c'è la tariffazione urbana, prima Ecopass, poi Area C, ma tra le debolezze la limitata estensione dell'area: oggi solo 8 km quadrati, contro i 21 di Londra e i 30 di Copenhagen. La prima cosa da fare è proprio allargare Area C - come chiesto dai cittadini col referendum promosso da Milanosimuove - e destinare i ricavi a nuovi investimenti per la mobilità pubblica e pulita." - ha dichiarato  Edoardo Croci, ex assessore all'ambiente e presidente di Milanosimuove.

Tags:
edoardo crociarea ctraffico






A2A
A2A
i blog di affari
Nuovo Direttivo alla Camera Civile Salentina
Sanzioni Covid: arrivano le cartelle pazze
Femmmicidi-infanticidi, riflesso di una Italia che non sopporta le difficoltà
di Maurizio De Caro

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.