A- A+
Milano

"Ho cacciato un urlo e ho visto il conducente negli occhi, a mio avviso non si era accorto di nulla". Sergio B., commerciante, racconta i drammatici momenti che l'hanno visto testimone della morte di una 42enne, investita questa mattina da un'autobus dell'Atm, la municipalizzata milanese. "Ho tentato di rianimarla, ma la donna non aveva piu' la testa, era completamente sfigurata. Allora ho portato una bottiglia d'acqua al conducente, era completamente sconvolto", prosegue il testimone. La donna, secondo le prime ricostruzioni, stava attraversando sulle strisce pedonali da un marciapiede all'altro di via Padova, all'altezza del civico 204.

Il bus, della linea 51, svoltava a destra da via Cesare Arici: la donna, sempre in base alle prime ipotesi, stava attraversando a semaforo verde, quando e' stata travolta e schiacciata dal mezzo. Il corpo della passante e' rimasto incastrato nelle ruote posteriori del mezzo. Il percorso del bus viene modificato ogni mercoledi', fino a fine agosto, per lasciare spazio al mercato rionale. Il conducente e' stato trasportato in ospedale in stato di shock. Viale Padova al momento e' parzialmente chiuso, con gli uomini della polizia municipale che stanno sollevando il bus per effettuare i rilevamenti, e hanno mandato via alcuni passanti che scattavano foto col cellulare. Sul posto e' arrivato anche il presidente di Atm Bruno Rota.

L'azienda trasporti milanesi ha avviato un'inchiesta per accertare la dinamica dell'incidente, in cui e' morta una 42enne, stamane in via Padova. La donna e' stata investita da un autobus della linea 51. L'autista, in stato di shock - spiega l'Atm in una nota - e' stato trasportato in ospedale. "Atm - si legge - esprime il proprio cordoglio e il profondo dolore per questo tragico incidente e rimane a disposizione delle forze dell'ordine per tutti gli accertamenti".

Tags:
via padovamortoatm







A2A
A2A
i blog di affari
Matteo Pittaluga: l'aspetto mentale per diventare Social Media Manager
Dario Ciracì
il project financing collegato al partenariato pubblico privato (seconda parte
Il mercato dei corsi fitness e le prospettive post-pandemia
Elena Vertignano


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.