A- A+
Milano

Ha abusato della figlia diciassettenne in almeno tre occasioni: i carabinieri di Cassano D'Adda (Milano) dopo le indagini condotte dal pool del Pm Pietro Forno, hanno arrestato un operaio albanese quarantenne, padre di altri tre figli, residente a Melzo. Gli abusi, secondo le ricostruzioni, sono iniziati nell'ottobre dell'anno scorso: l'uomo si era risposato dopo la morte della moglie e aveva impedito ai figli, tutti minorenni, ogni contatto con i parenti della madre. La ragazza, tuttavia, continuava a sentire lo zio materno e i nonni attraverso Facebook, e qualche giorno fa ha avuto il coraggio di denunciare gli abusi. Lo zio ha accompagnato la ragazza alla caserma dei carabinieri, dove l'ha aiutata a sporgere denuncia. L'indagine e' stata rapidissima: l'uomo e' stato catturato ieri nella sua abitazione, mentre gli accertamenti medici hanno dimostrato le violenze subite dalla diciassettenne. Secondo gli inquirenti non si riscontrano segni di abusi sugli altri figli, due femmine e un maschio. La diciassettenne e' stata affidata alla famiglia dello zio materno.

Tags:
albanesearrestatoviolenza







A2A
A2A
i blog di affari
Matteo Pittaluga: l'aspetto mentale per diventare Social Media Manager
Dario Ciracì
il project financing collegato al partenariato pubblico privato (seconda parte
Il mercato dei corsi fitness e le prospettive post-pandemia
Elena Vertignano


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.