A- A+
Milano

Hanno raggiunto e superato quota 1 milione gli accessi al WiFi del Comune di Milano, arrivando al numero record di 1.054.175, grazie a 97.774 utenti registrati. Inoltre, proprio ‘OpenWiFiMilano’, il dataset tramite il quale è possibile localizzare gli hot spot della rete OpenWi-Fi in città, è il più scaricato (2.181 volte) dal portale Open data del Comune, inaugurato a ottobre dello scorso anno.

“Prosegue l’impegno dell’Amministrazione per rendere sempre più aperta a milanesi e turisti la nostra città. E superare il traguardo del milione di accessi ci indica che la strada intrapresa è quella giusta”, ha dichiarato l’assessore allo Sviluppo economico con delega all’Innovazione e Agenda digitale Cristina Tajani. “Per questo, sponsorizzazioni come quella offerta da Italtel, che ci permettono di implementare e rendere sempre più efficiente la nostra rete, sono fondamentali”.

Ad oggi la rete Open WiFi può contare su oltre 250 siti attivi nelle 9 Zone della città per un totale di circa 500 access point e altri 200 siti sono previsti in allestimento nel corso del 2013. Italtel Spa ha offerto, partecipando all’avviso pubblico diffuso dal Comune di Milano, una sponsorizzazione tecnica per oltre 222mila euro, che permetterà l’implementazione di un sistema di gestione e manutenzione di access point fino a giugno 2014 e la configurazione di 1.000 nuovi apparati.

Ad aprile, inoltre, il Direttore Centrale Sistemi Informativi e Agenda Digitale Guido Albertini si è aggiudicato il premio nella categoria CIO Technology Driven 2013 di CIONET Italia (premio italiano per i CIO che creano Valore in azienda), proprio grazie al progetto WiFi. La rete del Comune è stata considerata “ad alta capacità trasmissiva” e in grado di garantire un servizio nuovo che presta “particolare attenzione alle fasce di popolazione più disagiate e nelle periferie con l’obiettivo di ridurre il digital divide urbano”. Il WiFi di Milano, che nasce su un’insieme di tecnologie e sistemi già esistenti, è stato sviluppato “per ampliare considerevolmente la portata delle reti esistenti per estensione geografica e capacità trasmissiva”.

Altro aspetto fondamentale dell’Agenda digitale del Comune di Milano è il portale Open data, dal quale oggi possono essere scaricati 157 dataset diversi, di cui il 20% aggiornati dinamicamente per permettere alle applicazioni ad essi collegate di avere costantemente e automaticamente tutte le informazioni complete.

“Attraverso il portale Open data si creano vere opportunità d’impresa - ha concluso l’assessore Tajani -. Il rilascio di informazioni trasparenti e costantemente aggiornate, infatti, garantisce la conoscenza del proprio territorio e, di conseguenza, la possibilità sia di realizzare applicazioni utili per i cittadini sia di valutare in quali zone e quartieri della città può essere più appropriato sviluppare nuove attività”.

Tags:
wi fi







A2A
A2A
i blog di affari
Covid, lockdown in autunno: la colpa sarà dei non benedetti dal siero
L'OPINIONE di Diego Fusaro
E' nata la figura del “Servo di Stato”. Con Draghi il popolo diventa cagnolino
di Maurizio De Caro
"Tutti in presenza". Nessun obbligo vaccinale per la scuola


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.