A- A+
Milano
Occupazione Zam, l'allarme dei residenti: "L'edificio è a rischio crollo"
occupazione centro sociale zam

"Sono stupito e sconcertato per questa nuova occupazione. Lo stabile  di via Santa Croce occupato dai cosìdetti antagonisti è pericolante per tutta una ala ad L che minaccia di crollare sopra altri condomini. Non mi risulta che il comune in tutti questi mesi abbia fatto interventi per mettere in sicurezza lo stabile, anzi….”. Parla l’avvocato Isacco Menotti che su incarico di alcuni residenti di piazza Sant’Eustorgio che temono il crollo della ex scuola di via santa Croce, ha depositato presso il tribunale di Milano un “ricorso  per danno temuto” che andrà in udienza il 19 febbraio.


“In pratica, il tribunale  quel giorno dovrebbe affidare  a un tecnico una perizia, ma io ho il timore che si verifichi prima un danno irreparabile. Ho visionato il bando di concorso che il Comune di Milano ha messo on line sul suo sito in cui si dice espressamente che lo stabile ha necessità di urgenti opere, ma demanda la sua messa in sicurezza all’ente o alla associazione che vincerà il bando, il che mi pare una incongruenza. Qui abbiamo il Comune che ammette che vi sono da fare delle opere in urgenza, ma demanda ad altri la sua attuazione, e in un futuro non certo. Mi semba veramente assurdo”

Tags:
zamoccupazionecrollo







A2A
A2A
i blog di affari
Due ori italiani a Tokyo 2020, ma “ex aequo” Tamberi (un po’) stonato
L'OPINIONE di Ernesto Vergani
Cassazione, trasferimenti immobiliari e crisi coniugali: la sentenza
Green pass, serve a poco se col vaccino posso comunque contagiare
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.