A- A+
Politica
Auto elettriche, Pichetto Fratin: "Dettata la linea all'Ue sul biocarburante"

“Abbiamo dettato la linea in Europa oltre all’elettrico c’è il biocarburante”

Il rinvio del regolamento europeo che prevede lo stop alle auto a benzina e diesel dal 2035 è "merito del governo che ha assunto una posizione ferma". Lo afferma il ministro dell'Ambiente e della sicurezza energetica, Gilberto Pichetto Fratin, in un'intervista a 'La Stampa', avvertendo però che "è fondamentale che il settore non resti indietro".   

L'Italia ha fatto da battistrada del ripensamento in corso a Bruxelles e "finalmente - sottolinea Pichetto Fratin - la Germania si è posta il problema, ma se il nostro Paese non avesse aperto questo fronte, diventandone il capofila europeo, forse non saremmo arrivati ad un rinvio".   

Secondo il ministro, l'Italia deve difendersi perché "sono a rischio almeno 70 mila posti di lavoro. Adesso bisogna cambiare tempistiche e obiettivi. È inaccettabile una data che blocchi i motori benzina e diesel. I tempi li vogliamo stabilire noi dialogando con i produttori".

Alla domanda se il cambiamento di rotta è merito della Lega come dice Matteo Salvini, Pichetto Fratin risponde: "Io sto portando avanti questa battaglia da tempo, prima come viceministro allo Sviluppo economico e ancor di più oggi come titolare dell'Ambiente e della Sicurezza energetica. La perseveranza del governo ha portato a un'importante vittoria politica dell'Italia. Un successo che naturalmente ogni partito della maggioranza può legittimamente rivendicare".           

Ora, per Pichetto Fratin "la questione non è quanti anni chiediamo, ma di accompagnare il cambiamento con gradualità. Non è accettabile una data con il blocco ai motori endotermici, anche perché siamo convinti che oltre all'elettrico ci siano altrettante opportunità con tutta una serie di carburanti come i sintetici, l'idrogeno, specie per i mezzi pesanti, il biometano".   

"La questione in campo - spiega - non è il rischio di rimanere indietro ma piuttosto quella di tutelare il nostro sistrema produttivo".    Quanto alle infrastrututre e alle colonnine di ricarico, Pichetto Fratin sottolinea di aver firmato il decreto in ambito Pnrr per la realizzazione di 21 mila colonnine di ricarica distribuite sulla rete stradale italiana. Terna sta lavorando alla rete di alimentazione: "Non c'è ritardo - conclude - piuttosto stiamo accompagnando il cambiamento".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
auto elettrichebiodieselpichetto fratin





in evidenza
La vendetta di Taylor Swift in un brano: "revenge song" contro il suo ex

L'attacco a Fernando Alonso

La vendetta di Taylor Swift in un brano: "revenge song" contro il suo ex


in vetrina
Boom per Salone del Mobile 2024 e Fuorisalone: i numeri tornano ai livelli pre Covid

Boom per Salone del Mobile 2024 e Fuorisalone: i numeri tornano ai livelli pre Covid


motori
Opel celebra 125 anni dalla nascita della produzione industriale dell’ auto

Opel celebra 125 anni dalla nascita della produzione industriale dell’ auto

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.