A- A+
Politica
Migranti, parla l’attivista per i diritti umani di destra: "Basta irregolari. Sì all'integrazione"
Claudia Conte

Dall'immigrazione al no profit, passando per il cinema e l'editoria. L'intervista a Claudia Conte

Attivista per i diritti umani, impegnata nel terzo settore, conduttrice e convinta sostenitrice della cultura, Claudia Conte ha fondato Far from Shallow, società benefit operante nel comparto della sostenibilità. Ella promuove anche i 17 Obiettivi dell’Agenda ONU 2030 attraverso progetti di utilità sociale in collaborazione con le principali realtà istituzionali: da Palazzo Madama a Montecitorio, da Bruxelles al Vaticano, passando per le sedi diplomatiche e le emittenti televisive.

Presente nel cda della Fondazione Marini San Pancrazio di Firenze, portavoce di Assobenefit e nel comitato scientifico dell’Academy Spadolini, Conte è volto di rassegne cinematografiche, mostre, premi ed eventi di beneficenza per enti del terzo settore come Unicef, Fondazione Bambino Gesù e Comunità di Sant’Egidio. Inoltre è autrice di romanzi di successo presentati al Salone internazionale del libro di Torino, avendo, nella sua carriera, ricevuto oltretutto diversi riconoscimenti per il suo impegno nel sociale: dall’Oscar dei Giovani in Campidoglio al Premio Eccellenze Italiane in Senato. Infine è produttrice e volto di Women in Cinema Award presso la Mostra del Cinema di Venezia e la Festa del Cinema di Roma, giunto alla sua settima edizione.

Quali sono state le motivazioni del suo impegno ormai da anni nel sociale? Tutto ebbe inizio…

Sicuramente contesto familiare e sociale hanno influito molto. Sono cresciuta in un piccolo paese del sud Italia, dove non tutto va sempre come dovrebbe andare. Mia nonna e mia madre mi hanno trasmesso l’amore per  i più deboli, l’educazione cattolica e la generosità. Mio nonno, operaio, faceva due lavori per mantenere la famiglia e mi ha insegnato con il suo esempio l’importanza del sacrificio. Da mio papà poliziotto ho appreso poi il forte senso dello Stato e della Giustizia.

Leggi anche: Sondaggio, Affaritaliani.it detta l'agenda d'autunno al governo Meloni

Così insieme a me sono cresciuti i valori della solidarietà, la lotta contro ogni forma di violenza nei confronti delle donne e dei bambini e il non arrendersi di fronte all’illegalità, imposta dalle mafie soprattutto in certi contesti.  Ho sempre sentito forte la vocazione verso il sociale e la consapevolezza che ero nata per cercare, umilmente ma appassionatamente, nel mio piccolo, di contribuire a cambiare il mondo.

Attivista per i diritti umani. Per lei che lo vive in prima persona e ne è parte attiva quanto è importante il terzo settore oggi?

Una Nazione come l’Italia, che ha nel proprio dna la matrice culturale oltre che salde radici cattoliche, non può non considerare il terzo settore come linfa vitale di una società evoluta, equa e sostenibile. L’Italia è il Paese europeo con la più rilevante economia sociale e ritengo che questo sia un patrimonio prezioso.

Secondo l'ISTAT, il no profit in Italia conta 330mila realtà, 5,5 milioni di volontari e 778mila dipendenti. Credo sia il volto più bello dell’Italia, quello inclusivo e solidale, che aiuta a superare la deriva individualistica e materialistica dettata dalla globalizzazione, dal consumismo e della tecnocrazia e a preservare il senso di identità comunitaria e di sviluppo umano. Il terzo settore svolge un ruolo fondamentale ed è un argine solido che richiede attenzione e adeguati sostegni da parte delle Istituzioni.

Migranti, l'attivista: "Basta irregolari, più risorse alla sicurezza, integrare i giovani e insegnargli la nostra cultura"

Iscriviti alla newsletter
Tags:
attivistaclaudia contediritti umaniimmigrazionesbarchi migranti





in evidenza
Ferragnez, dalle stelle al divorzio: c'è una donna dietro la rottura

E non è Selvaggia Lucarelli. Ecco chi è

Ferragnez, dalle stelle al divorzio: c'è una donna dietro la rottura


in vetrina
Mozzarella, la più buona è al discount: ecco i marchi migliori (e peggiori). Lista

Mozzarella, la più buona è al discount: ecco i marchi migliori (e peggiori). Lista


motori
Citroën, nuova C3 Aircross reinventa il mercato dei SUV compatti

Citroën, nuova C3 Aircross reinventa il mercato dei SUV compatti

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.