A- A+
Politica
Berlusconi: una mafia di giudici deciderà se galera o altro

Esordisce con una battuta, promettendo che "dopo il 25 maggio, se non mi mettono in galera prima, mi invitate da voi e vengo giu'". Silvio Berlusconi riceve a palazzo Grazioli una delegazione 'azzurra' del potentino e sostanzia la battuta sul suo destino giudiziario con un nuovo affondo contro i magistrati.

"Sto davvero vivendo - confessa il leader FI nel video che da' conto della riunione, e che viene pubblicato dall'edizione on line del Fatto Quotidiano - il periodo piu' brutto della mia vita. Dopo avere lottatto per 20 anni e passa per la liberta', mi trovo qui a difendermi - sono le parole dell'ex presidente del Consiglio - da una mafia di giudici che il 10 aprile mi diranno se devo andare in galera, se mi mettono ai domiciliari o a fare non so che servizio sociale".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
berlusconipdlcavaliere
in evidenza
CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

Pnrr e opportunità per le Pmi

CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

i più visti
in vetrina
Meteo, Hannibal e un maggio bollente: fino a 51 gradi. Previsioni

Meteo, Hannibal e un maggio bollente: fino a 51 gradi. Previsioni


casa, immobiliare
motori
Incentivi auto 2022: Stellantis guida la transizione zero emissioni in Italia

Incentivi auto 2022: Stellantis guida la transizione zero emissioni in Italia


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.