A- A+
Politica

"Stop al voto segreto". "Non abbiamo niente da nascondere e tu senatore?" e ancora "Berlusconi fuori subito". A piazza 5 Lune, a pochi metri dal Senato, va in scena la protesta di alcuni esponenti di Avaaz, una rete globale, spiegano, di 26 milioni di persone che lavora per fare in modo che le decisioni siano prese ascoltando le posizioni e i valori dei cittadini. Lasciati i vestiti e indossati i cartelli sopra gli indumenti intimi, invocano il voto palese sulla decadenza di Silvio Berlusconi da senatore.

nudi al senato video

 

I manifestanti hanno consegnato 80mila firme al presidente della giunta, Dario Stefano. In maniche di camicia, a loro si e' aggiunto il senatore M5S, Vincenzo Maurizio Santangelo. "No al voto segreto", ribadisce con il suo striscione. Santangelo e' componente della giunta per il regolamento di palazzo Madama che si riunira' oggi alle 15. In quella sede, con ogni probabilita', i senatori pentastellati punteranno di nuovo al voto palese perche', sostiene Santangelo, anche il regolamento, cosi' com'e', lo consente.

 

Berlusconi, slitta voto. Scontro Pd-Pdl - Non c'è ancora una data per il voto dell'Aula del Senato sulla decadenza di Silvio Berlusconi. La richiesta di calendarizzare il passaggio non e' stata presentata oggi alla conferenza dei capigruppo di palazzo Madama e del resto ancora pende una decisione sullo scrutinio segreto o palese. E ad arroventare il clima, c'e' lo scontro ancora aperto sulla possibilita' che un'eventuale amnistia si applichi al Cavaliere. La giunta per il regolamento del Senato, che si e' riunita oggi, ha stabilito all'unanimita' che le norme che disciplinano il tema non possono essere modificati. Il tema ora e' dunque l'interpretazione che si dara' del regolamento e su questo si e' aperto di nuovo un durissimo scontro fra Pd e Pdl.

La giunta si aggiornera' per valutare l'interpretazione il 29 ottobre e sono stati indicati come relatori sia Francesco Russo del Pd sia Annamaria Bernini del Pdl. Il Popolo della liberta' si prepara alla battaglia, non senza puntare i fari sulle possibili conseguenze che uno scrutini palese avrebbe sulle larghe intese. Il fatto che il partito democratico "si dichiari a favore del voto palese" per Sandro Bondi "si spiega solo con la volonta' da parte del Pd di mettere in discussione quel minimo di coesione e di rispetto reciproco su cui si puo' fondare una alleanza di governo". Il Pd pero' insiste. Si dovra' analizzare il regolamento, ha sottolineato Luigi Zanda, ma sul piano generale "il voto palese garantisce in modo migliore la trasparenza delle decisioni". "Credo che il regolamento possa essere interpretato a favore del voto palese", ha spiegato anche il renziano Dario Nardella. Ma il Pdl e' sulle barricate anche per la questione amnistia, con la commissione Giustizia del Senato che ha avviato oggi l'esame di quattro disegni di legge in materia. "E' inammissibile che in uno Stato di diritto si parli di leggi contra personam", ha detto Renato Schifani. "La polemica sull'amnistia a Silvio Berlusconi e' una banalita' che si poteva evitare", ha chiarito Gaetano Quagliariello.

Tags:
berlusconi
in evidenza
Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

Esportazioni

Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

i più visti
in vetrina
Pnrr e opportunità per le Pmi CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

Pnrr e opportunità per le Pmi
CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri


casa, immobiliare
motori
Jeep Compass: grazie agli incentivi è ancora più facile sceglierla

Jeep Compass: grazie agli incentivi è ancora più facile sceglierla


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.