A- A+
Politica

RODOTA' - "Spiragli per la grazia nella nota di Napolitano? Non ne vedo, non ci sono le condizioni, tra tre anni non so cosa potrebbe accadere, ci potrebbe anche essere una situazione di emergenza umanitaria, ma oggi come oggi no". Cosi' Stefano Rodota', intervistato da Radio Capital, commenta la nota del Presidente della Repubblica. "Napolitano ha escluso che la grazia arrivi motu proprio e poi per la grazia sono fissate condizioni specifiche che fanno perno sul carattere umanitario della decisione. Fino a quando non saranno presenti le condizioni indicate dalla legge, dalla giurisprudenza, dalle consuetudini costituzionali e dai precedenti, sono quattro i riferimenti che fa Napolitano, la grazia non puo' essere concessa. Questo dovrebbe chiudere il discorso e la partita". Ma ci sono altre vie per la clemenza? "No, non ci sono", risponde Rodota'.

E la cosiddetta agibilita' politica? "E' una invenzione di questa fase - afferma Rodota' -, non ha nulla a che vedere con la grazia e che cerca di forzare le istituzioni, anzi cerca di forzare la mano del Presidente della Repubblica per risolvere un problema politico nato da una legittima decisione della magistratura. E' un impraticabile tentativo di trovare una scorciatoia istituzionale. In questo momento l'agibilita' politica dipende dalle condizioni di funzionamento del sistema politico che sono pessime, un sistema che cerca di scaricare sui meccanismi istituzionali responsabilita' che sono sue proprie". Cosa pensa del passaggio della nota in cui Napolitano parla di "legittime manifestazioni di dissenso" rispetto alla sentenza della Cassazione?". "Forse non era un passaggio necessario - risponde il giurista - era nello spirito che il Presidente sta adoperando, dal suo punto di vista, cioe' quello di mantenere una rete di protezione per il governo, e' comprensibile. Diciamo che e' un di piu' che non mi entusiasma. E' un punto che se e' ricondotto al fatto che e' legittimo un disagio e un dissenso ma che non legittima ritorsioni, si tratta di valutazioni politiche e su questo io non sono d'accordo".

PISAPIA - "Sull'eventuale grazia a Berlusconi è evidente che la decisione spetta al Presidente Napolitano e per quanto mi riguarda rispetterò la sua decisione. Ritengo in ogni caso che, sulla base della relazione al codice di procedura penale, quando parla di grazia, e dei lavori preparatori della costituente, allo stato non ci siano i presupposti". Ad affermarlo il sindaco Giuliano Pisapia interpellato sulla questione a margine della visita al Comando di Polizia Locale nella giornata di Ferragosto.

Tags:
rodotà

i più visti

casa, immobiliare
motori
MÓ eScooter 125, il primo scooter completamente elettrico di Seat

MÓ eScooter 125, il primo scooter completamente elettrico di Seat


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.