A- A+
Politica


Di Fausto Lupetti

Silvio Berlusconi che lamenta la condizione di vittima della giustizia politica forse dovrebbe rispettare Antonio Gramsci che è stato condannato con processo sommario a morire in carcere da un tribunale speciale fascista con la motivazione che il suo  pericoloso cervello doveva smettere di pensare.

Gramsci sviluppa l'idea della prefigurazione della società futura nella società presente, questo è fin dall'inizio il significato politico che lui da dei Consigli operai. Le "Casematte" non sono altro che momenti di prefigurazione in cui si cerca di far vivere nella società presente, luoghi di lavoro, istituzioni, organizzazioni sociali e partiti, i valori, lo stile di vita, i rapporti fra persone della solidarietà e del  socialismo. E' la cosiddetta rivoluzione passiva, come processo molecolare per ottenere il consenso, per formare un blocco storico progressista.

Per Gramsci il blocco storico che governa la società futura è un momento di sintesi del lungo processo di sviluppo democratico che vedrebbe così risolto il passaggio dal regno della necessità e della coazione al regno della libertà che si concretizza nel governo dei produttori.

Nel pensiero  gramsciano il blocco storico per sua composizione, è molteplice, non è formato da una sola classe, ma  da una alleanza di forze di ispirazioni diverse per natura e grado socioeconomico che, data la sua forma composita, obbedisce alla dinamica del pluralismo.

Quindi con buona pace per Berlusconi il pensiero di Antonio Gramsci è a fondamento della lotta contro il fascismo e della evoluzione democratica della società italiana.
 

Tags:
berlusconi
in evidenza
"Professione Manager". Perrino ospita Scaroni e Fiorani

Affari al Festival dell'Economia

"Professione Manager". Perrino ospita Scaroni e Fiorani

i più visti
in vetrina
Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane

Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane


casa, immobiliare
motori
Nissan Ariya protagonista nella conquista dei due Poli

Nissan Ariya protagonista nella conquista dei due Poli


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.