A- A+
Politica

12 marzo 2014. Il giorno in cui Matteo Renzi cambiò l'Italia. Forse è un po' esagerato ma in questo paese fatto di annunci e non di fatti questa data potrebbe passare alla storia. Poco prima di pranzo il premier incassa l'ok alla legge elettorale alla Camera, nonostante i mal di pancia di cuperliani e bersaniani. E poco prima di sera annuncia i provvedimenti economici. E soprattutto quei cento euro in più in busta paga che suonano sì come manovra elettorale in vista di Europee e Amministrative, ma che sono un fatto concreto e tangibile. Lá dove avevano fallito Monti e Letta, bloccati dall'atavico immobilismo romano, Renzi sta riuscendo. Ora non si fermi e non si faccia bloccare da veti e controveti. Se riuscirá a mondernizzare l'Italia avrá la poltrona di Palazzo Chigi assicurata per anni. E potrá diventare il nostro Tony Blair. Adesso c'è la macchina organizzativa dello Stato centrale da smantellare attaccando le greppie e i parassiti. L'Italia ha bisogno come del pane di riforme. Forza Matteo. Bene la prima. Non ti fermare...

Di Alberto Maggi
@Albertomaggi74

 

Tags:
renzigoverno

i più visti

casa, immobiliare
motori
Tecnologica ed elegante nuova DS 4 in arrivo a fine anno

Tecnologica ed elegante nuova DS 4 in arrivo a fine anno


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.