A- A+
Politica
Clima e Vannacci: chi tocca il pensiero unico muore

In questo clima socioculturale da incubo orwelliano si inserisce la vicenda del Generale Roberto Vannacci, destituito in tempo reale dai suoi incarichi per aver pubblicato un libro “Il mondo al contrario”

“Grave allarme climatico: le giornate si stanno accorciando e alcuni scienziati hanno notato che gli alberi cominciano a perdere le foglie. Denunciato un negazionista che ha osato dichiarare che a fine agosto tutto ciò è normale”.

Oggi può sembrare un paradosso, o almeno un’iperbole. Ma stiamo andando in questa direzione: chiunque assuma posizioni distoniche rispetto alla narrazione dominante avvallata da media mainstream, istituzioni e scienza ufficiale (espressione con cui oggi si intendono gli studiosi finanziati dalle lobby economiche), viene messo al bando. E presto potrebbe addirittura incorrere in un reato, visto che c’è già chi invoca (ad esempio, il verde Angelo Bonelli) leggi contro il negazionismo climatico. In questo clima socioculturale da incubo orwelliano si inserisce la vicenda del Generale Roberto Vannacci, destituito in tempo reale dai suoi incarichi per aver pubblicato un libro “Il mondo al contrario”, in cui prende posizioni critiche su Lgbt e affini. Non entro nel merito di quanto ha scritto l’alto ufficiale. Trovo però emetico che si possa punire una persona per quello che scrive in un libro.

Prendiamone atto, il mito dell’Occidente culla delle libertà e dei diritti di parola e di opinione è finito. Dalla pandemia alla guerra russo-ucraina, dal global warming ai gay, chi tocca il pensiero unico, muore.

* Associazione no profit NaM

Iscriviti alla newsletter
Tags:
vannacci clima





in evidenza
"Io cornificata 2 volte, da Kunz e Santanchè. Sallusti con il suo amore mi ha salvato"

Patrizia Groppelli a cuore aperto su Daniela e tradimenti

"Io cornificata 2 volte, da Kunz e Santanchè. Sallusti con il suo amore mi ha salvato"


in vetrina
Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico

Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico


motori
DS Automobiles: protagonista al Chantilly Arts & Élegance Richard Mille

DS Automobiles: protagonista al Chantilly Arts & Élegance Richard Mille

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.