A- A+
Politica
Nuovo Italicum/ Renzi e la fine del bipolarismo

 

Di Ernesto Vergani

Il nuovo Italicum nelle sue linee principali - premio di maggioranza al partito vincitore  e non più alla coalizione, abbassamento della soglia di sbarramento, riduzione dei collegi, prossime elezioni politiche nel 2018 - fa intravedere un procedere verso da un lato una sorta di partito unico virtuale, che va oltre quelli effettivi ma che di fatto governa, dall'altro lato fa intravedere la possibile fine del bipolarismo.

E quest'ultimo era l'obiettivo che la politica italiana si era data alla fine della Prima Repubblica. Tutti i partiti attuali - e i loro leader - col nuovo Italicum guadagnerebbero qualcosa e  sopravviverebbero. Il che sarebbe possibile proprio perché a ottenere più di tutti sarebbe il Pd, il partito del premier Matteo Renzi.

D'altronde nelle democrazie occidentali il bipolarismo,  e in Italia le differenze  tra centro-destra e centro-sinistra, sono sostanzialmente teoriche. Riguardano le premesse ideologiche e le finalità ultime. Ciò in particolare perché  il comunismo è stato definitivamente messo da tutti in soffitta e una volta per tutte. A cambiare è essenzialmente il peso dato a elementi quali liberismo, intervento dello Stato, merito, pari opportunità e via discorrendo.
Lo stesso Matteo Renzi, intervistato ieri a "Porta a Porta" da Bruno Vespa, ha detto fondamentalmente che le ultime elezioni nel Regno Unito,  con il ruolo sempre più importante di liberali e UKIP di Nigel Farage rispetto ai tradizionali laburisti e tories, e le recenti elezioni di Midterm negli Usa vinte dal Partito Repubblicano, indicherebbero una qualche fine del bipolarismo. A questo ragionamento si potrebbe aggiungere ciò che è in Germania la Grande coalizione  tra la Cdu di Angela Merkel e la Spd.

Difficile dire se questa sarà la tendenza. Certo si pone una riflessione sul da tanti negli ultimi anni auspicato cammino della politica italiana verso il bipolarismo. Sicuro se si andrà  verso questa sorta di partito unico virtuale, fatto da un effettivo primo partito e da altri partiti vassalli, c'è il rischio che questi ultimi agiscano semplicemente più per la propria auto-sopravvivenza che per il bene del Paese. Senza dubbio  la fine del bipolarismo e l'avanzare verso una Grande coalizione generalizzata pone il problema di chi debba essere leader di tutto questo, del consenso, del controllo dell'informazione e in ultima istanza della salvaguardia della democrazia.

Tags:
italicum
in evidenza
Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

verso un mondo più sostenibile

Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

i più visti
in vetrina
Europei: le "Wags" degli Azzurri: qual è la più bella?

Europei: le "Wags" degli Azzurri: qual è la più bella?


casa, immobiliare
motori
Alfa Romeo: Räikkönen certifica la “Giulia GTA”

Alfa Romeo: Räikkönen certifica la “Giulia GTA”


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.