A- A+
Politica
Elezioni sondaggi, Conte sta rubando voti a Letta e punta al 15%
Giuseppe Conte e Enrico Letta

Quello del PD è un posizionamento molto più composito, con una prevalenza di temi “liberal”


A cura di Alessandro Amadori, politologo e sondaggista
 

Gli ultimi sondaggi sulle intenzioni di voto hanno segnalato una tendenza alla crescita per il M5S, che si sarebbe portato da quota 10-11 per cento a quota 12-12,5, con un possibile sorpasso nei confronti della Lega. Parallelamente, si starebbe invece indebolendo il PD, con un suo passaggio da quota 23-24 a quota 22. E’ possibile che nei prossimi giorni avvenga un ulteriore rafforzamento dei Cinque Stelle?

La risposta è sì, per ragioni che riguardano i bisogni degli elettori e le conseguenti strategie di marketing politico-elettorali. Teniamo conto del fatto che la crisi economica indotta dall’anomalo aumento dei prezzi dell’energia sta mettendo sotto pressione milioni di famiglie italiane, la maggioranza delle quali risiede al Sud. Si tratta di famiglie a basso reddito, con componenti in condizioni lavorative precarie. Queste famiglie chiedono rappresentanza politica ed esprimono un bisogno di protezione sociale, cui viene data risposta, per criticabile che sia, da parte della misura del reddito di cittadinanza. E l’unico partito che la sostiene con decisione è appunto il M5S. Che, sui temi sociali, ha scelto un chiaro posizionamento “di sinistra”.

Al contrario, quello del PD è un posizionamento molto più composito, con una prevalenza di temi “liberal” che fanno presa, in termini di target, su un elettorato metropolitano evoluto sul piano culturale e con una situazione economica decisamente più stabile.Questo diverso posizionamento, più nitido e univoco per il M5S, più articolato ma anche come detto più composito per il PD, è alla base del piccolo flusso di voti potenziali in entrata per il primo partito (M5S) e in uscita per il secondo (PD), cui stiamo assistendo nei sondaggi.

Con l’approssimarsi dell’autunno, è verosimile ipotizzare che questo flusso, per quanto contenuto, continui. Possiamo così ipotizzare, per il M5S, una quota di arrivo attorno al 15%, un livello che il professor Domenico De Masi, che del M5S è stato in qualche modo un consigliere politico, considera come un obiettivo politico-elettorale assolutamente raggiungibile. Con l’arrivo nelle case degli italiani delle bollette energetiche del mese di agosto, è del tutto probabile che il raggiungimento di questo obiettivo riceva un’ulteriore spinta.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    conte letta pd m5s sondaggi elezioni





    in evidenza
    Affari in Rete

    MediaTech

    Affari in Rete

    
    in vetrina
    Piogge forti e nevicate copiose su tutta Italia

    Piogge forti e nevicate copiose su tutta Italia


    motori
    CUPRA Born VZ 2024: innovazione e prestazioni nel nuovo modello elettrico

    CUPRA Born VZ 2024: innovazione e prestazioni nel nuovo modello elettrico

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.